USA e Argentina uniti per smantellare legami di Hezbollah in America Latina

Pubblicato il 6 febbraio 2018 alle 10:31 in Argentina USA e Canada

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

Gli Stati Uniti e l’Argentina collaboreranno per smantellare i legami finanziari del gruppo sciita libanese Hezbollah in America Latina.

Secondo quanto riferito dal quotidiano The New Arab, l’Argentina ospita numerosi cittadini libanesi, molti dei quali le autorità americane sospettano che raccolgano fondi attraverso attività criminali per finanziare l’organizzazione. Il segretario di Stato americano, Rex Tillerson, in visita ufficiale a Buenos Aires, lunedì 5 febbraio, ha colloquiato con l’omologo argentino, il ministro degli Esteri Jorge Fauir, e entrambi hanno concordato la necessità di agire contro i network di Hezbollah. “Abbiamo discusso su come affrontare congiuntamente il crimine transnazionale, il quale comprende traffici di narcotici, di esseri umani, di contrabbando e di riciclaggio di denaro, al fine di smantellare anche i legami terroristici”, ha spiegato Tillerson, aggiungendo che le attività di Hezbollah in America Latina devono essere interrotte. Dall’altra parte, Faurie ha spiegato che il Sud America è divenuto “una zona di pace”, motivo per cui i gruppi esterni non devono infiltrarvisi. “Il segretario Tillerson ha detto che è necessario intensificare non solo i contatti, ma anche le informazioni e le azioni contro tali organizzazioni che si stanno avvantaggiando del crimine transnazionale”, ha affermato il ministro argentino.

Hezbollah, in arabo “Partito di Dio”, è un’organizzazione paramilitare sciita libanese nata nel 1982 che si è trasformata, nel tempo, in un partito politico locale. Attualmente, tale gruppo è la forza maggiore presente in Libano e, secondo alcune fonti, dovrebbe essere in possesso di un arsenale più grande di quello dell’esercito libanese. Alcuni Stati considerano un gruppo terroristico soltanto l’ala militare di Hezbollah, facendo una distinzione con il partito politico. Gli USA, al contrario, non effettuano tale separazione. La milizia libanese è accusata di aver bombardato l’ambasciata americana e le postazioni dei Marines a Beirut, nel 1983, e di aver colpito il centro culturale ebraico in Argentina, nel 1994, dove morirono 29 persone. Nel 2012, Israele ha altresì accusato Hezbollah di aver attaccato un autobus di turisti israeliani in Bulgaria.

Alla fine del mese dell’ottobre 2017, la Casa dei Rappresentanti degli Stati Uniti ha approvato un nuovo pacchetto di sanzioni contro Hezbollah, in linea con la strategia americana per contrastare indirettamente l’Iran, principale rivale di Washington in Medio Oriente e uno dei primi finanziatori del gruppo sciita libanese. Tali misure, tuttavia, sono rischiose, in quanto potrebbero avere effetti negativi sul settore bancario libanese, che è cruciale per l’economia locale. In virtù di ciò, il Segretario del Tesoro degli Stati Uniti per il finanziamento del terrorismo, Marshall Billingslea, ha affermato che gli Stati Uniti sono pronti a collaborare con le autorità di Beirut per fornire affinché il Paese sia forte, stabile e prosperoso.

Sicurezza Internazionale è il primo quotidiano italiano dedicato alla politica internazionale.

Sofia Cecinini

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.