Marocco: sventati attacchi terroristici

Pubblicato il 2 febbraio 2018 alle 16:35 in Africa Marocco

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

Le autorità del Marocco hanno arrestato 7 militanti dello Stato Islamico, che avevano progettato attacchi terroristici nel Paese.

Secondo quanto riferito dal Ministero dell’Interno marocchino, giovedì 1 febbraio, i sospettati avrebbero fatto parte di una cellula che operava nella città settentrionale di Tanger e in quella nordorientale di Meknes, la quale stava progettando attacchi terroristici nel Paese.

Secondo quanto riferito dal quotidiano Al-Arabiya in lingua araba, le autorità marocchine avrebbero smantellato decine di cellule jihadiste dal 2002, tra le quali almeno 50 legate allo Stato Islamico. Nel corso del 2016, in particolare, Rabat aveva reso noto di aver smantellato diversi nuclei terroristici, legati ai network internazionali dell’ISIS, di al-Qaeda nel Magreb islamico (AQIM) e di al-Nusra Front, affiliata di al-Qaeda in Siria. Secondo quanto riportato dai media locali, le forze di sicurezza marocchine avevano smantellato complessivamente18 cellule nel 2016, arrestando in tutto 161 individui, di cui alcuni provenienti da Algeria, Ciad, Francia e Italia.

Il governo di Rabat aveva dato la massima priorità alle politiche antiterrorismo a partire dal 2003, anno in cui si era verificata una serie di attentati suicidi, il 16 maggio, in cui erano morte 45 persone, inclusi 12 terroristi. Tali politiche, nel corso degli anni, sono state rafforzate, soprattutto in seguito ad altri tre attacchi minori nel marzo e nell’aprile 2007, e a un altro attentato avvenuto a Marrakesh, il 28 aprile 2011, in cui l’esplosione di una bomba nascosta in una borsaaveva causato la morte di 17 persone.

Nel 2015, la legislazione era stata ampliata per affrontare la minaccia crescente dei foreign fighters, in modo da prevenire attacchi terroristici e contrastare le attività di reclutamento, in linea con la Risoluzione 2178 del Consiglio di Sicurezza dell’Onu, la quale chiedeva agli Stati di rafforzare le proprie legislazioni in materia di terrorismo. Le unità di polizia marocchine hanno compiuto raid mirati e ripetuti per smantellare cellule terroristiche all’interno del Paese, basandosi principalmente su fonti di intelligence, ricerche e collaborazioni con partner regionali e internazionali.

Sicurezza Internazionale quotidiano sulla politica internazionale.

Traduzione dall’arabo e redazione a cura di Laura Cianciarelli

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.