Colombia: ombre sui candidati alle legislative

Pubblicato il 26 gennaio 2018 alle 14:28 in America Latina Colombia

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

Il ministro dell’Interno della Colombia, Guillermo Rivera, ha reso noto lo scorso 24 gennaio che 631 candidati al Congresso di Bogotà sono coinvolti in indagini nella Corte Suprema di Giustizia.

L’allarme lanciato dal governo riguarda le elezioni legislative che avranno luogo nel prossimo mese di marzo. Il governo ha reso noti i risultati di una revisione delle candidature ad opera dallo Sportello Unico Elettorale, meccanismo creato per ottenere i dati personali dei candidati prima della consegna degli avalli. 

Rivera ha denunciato inoltre, che, oltre ai candidati al Congresso che sono soggetti ad indagini di diversa natura, ce ne sono altri 103 con precedenti giudiziari, con condanne vigenti o già scontate.

Nella maggioranza dei casi le fedine penali sono sporcate da delitti come traffico di droga, lesioni personali, furto aggravato, trasporto illegale di armi e truffa. 

Davanti all’evidente problema di credibilità cui rischiano di incorrere il parlamento che uscirà dal voto di marzo e il paese interno, il titolare dell’Interno ha esortato i movimenti e i partiti politici a rivolgersi allo Sportello Unico Elettorale per fare chiarezza sullo status dei loro candidati al Congresso e nell’eventualità a rettificare.

La revisione dell’organismo elettorale colombiano ha incluso 5679 candidati presentati da 14 partiti o gruppi politici colombiani, gli indagati, dunque sono oltre il 10% del totale.

Gli oltre 36 milioni di colombiani aventi diritto al voto sono convocati alle urne per il prossimo 11 marzo. Dovranno eleggere 102 senatori e 166 rappresentanti al Congresso. In 10 circoscrizioni, 5 della camera e 5 del senato, non vi sarà competizione elettorale, essendo assicurata l’elezione di un membro della ex guerriglia della FARC, nel quadro degli accordi di pace siglati a L’Avana nel 2016.

Il 27 maggio 2018, dopo le elezioni presidenziali, o il 17 giugno in caso di ballottaggio, la composizione delle assemblee colombiane sarà completa con l’elezione al senato del candidato presidente sconfitto e alla camera del candidato vicepresidente sconfitto.

 

Sicurezza internazionale è il primo quotidiano italiano dedicato alla politica internazionale

Traduzione dallo spagnolo e redazione a cura di Italo Cosentino

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.