Giappone: Shinzo Abe andrà a Seoul per le Olimpiadi

Pubblicato il 25 gennaio 2018 alle 6:01 in Asia Giappone

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

Il primo ministro del Giappone, Shinzo Abe, parteciperà alle Olimpiadi Invernali in Corea del Sud, nonostante la disputa tra i due Paesi in merito alle “donne di conforto”.

Il Primo Ministro del Giappone ha confermato la sua partecipazione alle Olimpiadi Invernali che si terranno a Pyeonchang, in Corea del Sud, dal 9 al 25 febbraio prossimo. La comunicazione ufficiale contraddice le notizie precedenti che affermavano che Shinzo Abe non avrebbe partecipato alle Olimpiadi per via della tensione bilaterale tra Tokyo e Seoul per la questione delle “donne di conforto”. Si tratta delle comfort women, termine utilizzato dai giapponesi per indicare le giovani donne coreane costrette a prostituirsi nei bordelli dedicati ai soldati di Tokyo prima e durante la Seconda Guerra Mondiale. La Corea del Sud e il Giappone avevano raggiunto un accordo per risolvere la questione – rimasta aperta per 50 anni – nel 2015, ma all’inizio del 2018 il governo di Seoul ha definito l’accordo erroneo e affermato che è necessario rivederlo poiché non risponde ai bisogni e agli interessi delle vittime. Le “donne di conforto” e i gruppi che le sostengono non erano stati consultati dalla precedente amministrazione sudcoreana al momento di siglare l’accordo. L’accordo prevedeva uno stanziamento di 1 miliardo di yen da parte del Giappone come compensazione per le vittime e la chiusura della questione.

Il Premier del Giappone ha affermato che intende organizzare un incontro con la sua controparte sudcoreana per chiarire la posizione del Giappone sull’accordo del 2015. Tokyo, secondo alcune clausole dell’accordo non rese pubbliche inizialmente, chiede a Seoul di eliminare tutte le statue che commemorano le donne di conforto da vicino le sue ambasciate e i suoi consolati.

Intanto, il presidente sudcoreano Moon Jae-in ha accolto con favore l’annuncio della partecipazione di Shinzo Abe alle Olimpiadi.

La decisione del Premier non è stata, invece, accolta positivamente dai giapponesi più conservatori, ma Shinzo Abe è convinto della necessità di andare in Corea del Sud per rafforzare la coalizione con Seoul di fronte alla minaccia del nucleare e dei missili nordcoreani. Il Giappone è preoccupato che l’apertura e il dialogo tra Seoul e Pyongyang per la partecipazione della Corea del Nord alle Olimpiadi Invernali possa incrinare il fronte unito Usa-Giappone-Corea del Sud.

Sicurezza Internazionale quotidiano di politica internazionale.

Consultazione delle fonti inglesi e redazione a cura di Ilaria Tipà

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.