Cina: gli Usa minacciano il multilateralismo

Pubblicato il 23 gennaio 2018 alle 15:05 in Asia Cina

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

Gli Stati Uniti, non la Cina, minacciano il commercio globale. Questa è la risposta del Ministero degli Esteri della Cina alle parole dell’amministrazione degli Stati Uniti che ha dichiarato un errore l’ingresso di Pechino dell’Organizzazione Mondiale del Commercio.

La Cina è entrata nell’Organizzazione Mondiale del Commerci (WTO) nel 2001, alla fine di una decade di negoziati, ma le regole dell’Organizzazione non sono state efficaci nello spingere Pechino ad abbracciare un approccio orientato al mercato, per questo il suo ingresso è stato un errore, secondo quanto dichiarato dall’ufficio del Rappresentante per il Commercio degli Stati Uniti.

Il rapporto del Rappresentante giunge mentre il presidente Trump considera una serie di azioni sul commercio contro Pechino, compresa quella di aprire un’indagine per la violazione dei diritti di proprietà intellettuale.

La portavoce del Ministero degli Esteri di Pechino, Hua Chunying, ha affermato che da quando la Cina è entrata a far parte dell’Organizzazione Mondiale del Commercio ne ha seguito strettamente le regole e ha rispettato i suoi obblighi e ha contribuito allo sviluppo del sistema commerciale multilaterale.

Secondo Pechino, l’ingresso della Cina nell’Organizzazione ha creato grandi benefici per i Paesi che hanno rapporti commerciali con essa. A mettere in pericolo il multilateralismo commerciale globale, invece, sarebbero gli Stati Uniti e “i loro metodi unilateralisti e gli appelli all’unilateralismo che rappresentano una minaccia senza precedenti al sistema multilaterale”.

Molti membri dell’Organizzazione Mondiale del Commercio hanno già espresso le loro preoccupazioni in merito alle tendenze unilateraliste degli Stati Uniti, secondo Pechino.

La Cina, soprattutto nell’ultimo anno dall’entrata in carica del presidente Trump, si è proposta a livello internazionale come difensore del commercio globale e del multilateralismo in opposizione alla politica “America First” e all’unilateralismo portato avanti dal presidente Trump. Pechino sta portando avanti soprattutto il suo progetto di collegamento infrastrutturale che punta a collegare Asia e Europa noto come “Belt and Road” che mira a ricreare le antiche rotte commerciali della Via della Seta.

Sicurezza Internazionale quotidiano di politica internazionale.

Consultazione delle fonti cinesi e redazione a cura di Ilaria Tipà

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.