Francia-Germania: piani di riforme per l’Eurozona

Pubblicato il 20 gennaio 2018 alle 16:32 in Francia Germania

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

La cancelliera tedesca e il presidente francese hanno discusso un progetto volto a riformare l’Eurozona e rafforzare la valuta e l’Unione Europea nel suo complesso.

La cancelliera della Germania, Angela Merkel, e il presidente francese, Emmanuel Macron, si sono incontrati a Parigi, presso l’Eliseo, nel tardo pomeriggio di venerdì 19 gennaio. In seguito all’appuntamento diplomatico, entrambe le parti si sono dette ottimiste circa il percorso a venire. Merkel ha affermato che a livello globale non ci sono differenze di vedute tra Francia e Germania sull’orizzonte europeo, sottolineando il comune intento di rafforzare la politica internazionale, monetaria e di difesa del continente. La cancelliera ha inoltre riferito che in alcuni settori i due Paesi possono prendere le redini dell’Unione Europea, ad esempio creando una base comune per le imposte societarie. Il modello a cui guardare in questo senso, secondo la cancelliera, è quello statunitense. Merkel ha infine affermato che entrambi gli Stati desiderano un’eurozona stabile e all’avanguardia in materia di competitività, e i cui confini esterni godano al tempo stesso di una salda protezione.

Il presidente francese, sulla stessa lunghezza d’onda, ha commentato l’esito dell’incontro affermando che per quanto restino da definire i dettagli dell’agenda comune, essi verranno discussi con tempestività nei giorni e nelle settimane a venire, per definire un percorso che porti l’Europa nella direzione sperata, ossia verso un ulteriore rafforzamento.

La Merkel e Macron avevano già iniziato a discutere l’idea di riformare l’Eurozona a dicembre 2017, in occasione di un summit europeo a Bruxelles, comunicando che avrebbero sviluppato una serie di riforme condivise entro marzo. Tuttavia, sempre a Parigi giovedì 18 gennaio il ministro francese Bruno Le Maire ha parlato con il suo omologo tedesco, Peter Altmaier, e dopo l’incontro ha affermato che raggiungere un accordo definitivo entro marzo sarà difficile. Le Maire ha inoltre sostenuto che la priorità immediata su cui lavorare fianco a fianco con la Germania è il completamento dell’Unione bancaria e monetaria europea, insieme con la convergenza fiscale. Secondo il ministro francese, i due Paesi porteranno a compimento un programma relativo a queste tre tematiche nell’arco temporale compreso tra marzo e giugno prossimi.

Il presidente francese aveva in mente di introdurre un budget autonomo per gli Stati aventi la valuta in euro, e tale budget sarebbe dovuto ammontare a centinaia di miliardi di euro. Tuttavia tale schema non era stato accolto entusiasticamente dalla Germania. Finora il presidente Macron aveva deciso di non divulgare ulteriori dettagli, comunicando di voler attendere l’esito dell’incontro di venerdì 19 gennaio, in quanto bisognava prima porsi la priorità di convenire con la cancelliera tedesca sull’obiettivo comune.

 

Sicurezza Internazionale è il primo quotidiano italiano dedicato alla politica internazionale.

Consultazione delle fonti inglesi e redazione a cura di Claudia Castellani

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.