Bangladesh: proteste dei Rohingya contro i rimpatri

Pubblicato il 20 gennaio 2018 alle 6:38 in Asia Myanmar

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

Centinaia di rifugiati Rohingya hanno organizzato una manifestazione in Bangladesh per opporsi all’accordo del Paese con il Myanmar che prevede il loro rimpatrio nello stato di Rakhine, nel Myanmar nord-occidentale, da cui sono fuggiti per evitare la campagna militare dell’esercito.

I rifugiati membri della minoranza etnica musulmana Rohingya sono scesi in piazza con striscioni e slogan chiedendo che venga loro garantita la cittadinanza birmana, come premessa per i “rimpatri volontari” su cui Bangladesh e Myanmar si sono accordati il 23 novembre scorso e sulla cui realizzazione concreta stanno lavorando in queste settimane.

La manifestazione dei rifugiati è stata organizzata prima della visita dell’inviata special delle Nazioni Unite in Myanmar, Yanghee Lee, la quale si appresta a recarsi nei campi di accoglienza del Bangladesh sud-orientale, dove sono ospitati circa un milione di Rohingya, secondo quanto reso noto dalle autorità bengalesi.

L’accordo tra Myanmar e Bangladesh prevede il rimpatrio di 750 mila Rohingya nel giro di 2 anni. Il milione di rifugiati è giunto in Bangladesh in due ondate principali, i primi circa 400 mila dall’ottobre 2016 all’agosto 2017 e i restanti 650 mila da agosto a dicembre 2017. Entrambe le ondate migratorie sono state scatenate da un picco della campagna militare dell’esercito birmano contro le zone abitate dalla minoranza etnica. L’esercito afferma di aver soltanto risposto agli attacchi organizzati dall’ARSA – Arakan Rohingya Salvation Army – e di non aver preso di mira i civili. L’Onu e le altre organizzazioni per i diritti umani ritengono, invece, che l’esercito si sia macchiato di crimini contro l’umanità e abbia condotto operazioni di pulizia etnica che rasentano il genocidio.

I Rohingya non godono della cittadinanza birmana in Myanmar perché vengono considerati immigrati clandestini provenienti dal vicino Bangladesh.

Sicurezza Internazionale quotidiano di politica internazionale.

Consultazione delle fonti inglesi e redazione a cura di Ilaria Tipà

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.