Libia: soccorsi 234 migranti dalla Guardia Costiera

Pubblicato il 18 gennaio 2018 alle 13:52 in Immigrazione Libia

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

La Guardia Costiera libica ha soccorso 234 migranti di undici nazionalità diverse che viaggiavano a bordo di due gommoni in procinto di affondare. Tra di loro sono state contate almeno 49 donne e 11 bambini. L’operazione, condotta dalla motovedetta Sabrata, si è articolata in due fasi. Nella prima fase, è stato intercettato uno dei due gommoni al largo di Mellitah, a circa 100 km da Tripoli. Nella seconda fase, invece, è stata individuata l’altra imbarcazione a nord di Zaura, ancora più ad ovest rispetto alla capitale.

Si è trattato di almeno del quarto intervento di soccorso da parte della Guardia Costiera libica dall’inizio del 2018. Il 7 gennaio al largo di Garabulli, a est di Tripoli, dove 290 migranti sono stati tratti in salvo, mentre altri 2 sono morti. Il giorno seguente, un altro naufragio è avvenuto sempre al largo di Garabulli, dove gli ufficiali libici hanno soccorso 135 migranti, tra cui 5 bambini e 49 donne, di cui 10 in stato interessante. Infine, il 9 gennaio, la Guardia Costiera libica ha soccorso tre gommoni in difficoltà, riuscendo a trarre in salvo complessivamente 300 persone, mentre altre 100 sarebbero morte.

Secondo le stime dell’Organizzazione Internazionale per le Migrazioni (IOM), dal primo al 14 gennaio 2018 sono giunti in Europa via mare 1.916 migranti, mentre le morti nel Mediterraneo nello stesso periodo ammontano a 194. Si tratta di cifre inferiori rispetto a quelle dei primi 14 giorni dei 2017, in cui sbarcarono sulle coste europee 3.046 migranti e ne morirono nel Mediterraneo 225.

Sicurezza Internazionale è il primo quotidiano italiano dedicato alla politica internazionale.

Sofia Cecinini

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.