Libia: soccorsi altri 135 migranti dalla Guardia Costiera

Pubblicato il 9 gennaio 2018 alle 12:16 in Immigrazione Libia

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

La Guardia Costiera libica ha soccorso 135 migranti di diverse nazionalità africane che viaggiavano a bordo di un gommone, al largo delle coste di Garabuli (Castelvedere), a 60 km a est di Tripoli, lunedì 8 gennaio. Tra i rifugiati ci sarebbero 5 bambini, 81 uomini e 49 donne, di cui 10 in stato interessante. Una di loro ha partorito non appena trasferita in ospedale. Dopo essere stati condotti presso un centro di accoglienza nella capitale libica, i migranti hanno ricevuto assistenza medica e cibo sotto la supervisione dell’Organizzazione Internazionale per le Migrazioni (IOM) e la UN Refugee Agency.

Il 7 gennaio, la Guardia Costiera libica aveva effettuato un’altra operazione di soccorso, salvando circa 290 migranti, sempre al largo di Garabulli, mentre il 6 gennaio la nave Diciotti, della Guardia Costiera italiana, aveva tratto in salvo 86 rifugiati che viaggiavano su un gommone in procinto di naufragare al largo della Libia. Secondo i dati del ministero dell’Interno, dal primo al 9 gennaio 2018 sono giunti in Italia via mare 453 migranti, una cifra inferiore rispetto ai 729 arrivi nello stesso periodo del 2017.

Il quotidiano libico, Libya Observer, intanto, rende noto che il gruppo armato Khani Brigade originaria della città di Tarhuna, domenica 7 gennaio, ha preso il controllo della città di Garabulli. I residenti dell’area hanno riferito che la brigata ha lanciato un attacco a sorpresa, posizionando veicoli militari per le vie cittadine, cacciando i membri degli altri gruppi armati presenti nella città. Le autorità di Garabulli hanno immediatamente chiesto alle Khani Brigade di andarsene, senza tuttavia alcun successo. La città libica, fino a quel momento, era stata sotto il controllo del gruppo Tripoli Revolutionarie’s Brigade e di una formazione originaria di Tajoura, guidata da un certo Al-Khabash. Garabulli costituisce un punto dal quale tentano di partire numerose imbarcazioni cariche di migranti alla volta dell’Europa. Lo scorso 25 novembre, 31 persone sono annegate proprio al largo della città libica, per via del naufragio del gommone su cui stavano viaggiando.

Sicurezza Internazionale è il primo quotidiano italiano dedicato alla politica internazionale.

Sofia Cecinini

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.