Libia: salvati 290 migranti dalla Guardia Costiera

Pubblicato il 9 gennaio 2018 alle 6:01 in Immigrazione Libia

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

La Guardia Costiera libica ha reso noto di aver salvato circa 290 migranti di varie nazionalità al largo di Garabulli, ad est di Tripoli, che erano a bordo di due imbarcazioni in procinto di affondare.

Nel comunicato pubblicato su Facebook si legge che l’operazione, avvenuta domenica 7 gennaio, è stata condotta da una vedetta chiamata Sabrata. Una volta tratti in salvo, i migranti sono stati condotti presso la base navale della capitale libica, dove hanno ricevuto assistenza medica e cibo, sotto la supervisione di un team internazionale di medici, dell’Organizzazione Internazionale per le Migrazioni (IOM) e della UN Refugee Agency. Il quotidiano The New Arab riporta che nel corso delle operazioni di salvataggio sono morte due donne. Il giorno precedente, 64 persone sono morte, mentre altre 86 sono state tratte in salvo dalla nave Diciotti, della Guardia Costiera italiana, che ha soccorso il gommone sul quale viaggiavano mentre stava naufragando al largo della Libia.

Secondo i dati dell’IOM, nel 2017 sono giunti in Europa via mare 171,365 migranti, mentre in 3,116 sarebbero morti durante le traversate nel Mediterraneo. Tali numeri segnano una diminuzione rispetto a quelli del 2016, quando arrivarono sulle coste europee 363,504 migranti, mentre altri 5,143 morirono in mare. Le stime del Ministero dell’Interno riferiscono che nei primi 5 giorni del 2018 sono sbarcati in Italia 333 persone, una cifra che segna una diminuzione del 54% rispetto ai 729 arrivi via mare del 2017.

Dall’inizio del 2017, la Libia è stata sostenuta dal governo italiano che, il 2 febbraio, ha firmato un accordo con il governo di Tripoli, stanziando 200 milioni di euro per finanziare attività contro l’immigrazione clandestina e per rimandare i migranti irregolari nei loro Paesi di provenienza entro una settimana dal loro fermo. Inoltre, il 30 agosto Roma si è offerta di addestrare 1,000 membri della Marina libica, per fornire servizi di controllo anti-immigrazione illegale e di indagini criminali.

Sicurezza Internazionale è il primo quotidiano italiano dedicato alla politica internazionale.

Sofia Cecinini

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.