Siria: almeno 25 morti in un’esplosione a Idlib

Pubblicato il 8 gennaio 2018 alle 10:43 in Medio Oriente Siria

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

Almeno 25 persone sono morte e decine sono rimaste ferite nell’esplosione di un’autobomba nella città di Idlib, situata nel territorio nord-occidentale della Siria, al confine con la Turchia. Al momento, l’attacco non è stato rivendicato.

Fonti della protezione civile hanno riferito che, domenica 7 gennaio, una forte esplosione, probabilmente causata da un’autobomba, si sarebbe verificata in una strada di Idlib, causando la morte di almeno 25 persone e il ferimento di altre 10. La maggior parte delle vittime sarebbero uomini armati, ma sarebbero stati colpiti anche 7 civili. La deflagrazione, che avrebbe altresì causato ingenti danni agli edifici situati nel quartiere della città, sarebbe avvenuta di fronte alla sede militare di una fazione dei ribelli, Ajnad Al-Qawqaz. Si tratta di un gruppo alleato di Hayyat Tahrir Al-Sham, che include centinaia di combattenti provenienti dal Caucaso.

Da parte sua, l’Osservatorio siriano per i diritti umani ha riferito che non sarebbe ancora nota la natura dell’attacco, che potrebbe essere stato causato da un’autobomba o da un drone.

Il governatorato di Idlib si trova quasi completamente sotto il controllo dei ribelli siriani, che lo governano insieme al gruppo Hayat Tahrir Al-Sham (HTS), conosciuto anche con il nome di Al-Qaeda in Siria, un gruppo jihadista di ideologia salafita, affiliato ad Al-Qaeda e coinvolto nella guerra civile siriana. Idlib fa parte delle zone cuscinetto stabilite dal quarto round dei negoziati di Astana, che si è tenuto nella capitale del Kazakistan il 3 e il 4 maggio 2017, e ha costituito un riparo per i ribelli scacciati dalle forze del regime in altre zone della Siria.

Dopo la liberazione delle ultime roccaforti dello Stato Islamico in Siria, il presidente Bashar Al-Assad ha avviato una campagna mirata a ristabilire la propria autorità nelle aree del Paese che si trovano ancora sotto il controllo dell’opposizione, tra le quali il governatorato di Idlib. In tale contesto, domenica 7 gennaio, l’esercito siriano, sostenuto dai propri alleati, è riuscito a entrare nel territorio, riconquistando la città di Sinjar e numerosi villaggi situati nell’area occidentale del governatorato.

Sicurezza Internazionale quotidiano sulla politica internazionale.

Traduzione dall’arabo e redazione a cura di Laura Cianciarelli

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.