Migranti attraversano il confine tra Marocco e Melilla

Pubblicato il 7 gennaio 2018 alle 19:46 in Immigrazione Spagna

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

209 migranti hanno attraversato il confine tra il Marocco e la città autonoma spagnola di Melilla, in quello che le autorità hanno definito un violento attraversamento di massa.

Melilla e Ceuta, due città autonome spagnole situate sulla costa orientale del Marocco, sono separate dal Paese nordafricano da una barriera fisica di filo spinato. Molto spesso i migranti cercano di arrivare nell’Unione Europea oltrepassandola o tentando di entrare nel territorio via mare.

Nel pomeriggio di sabato 6 gennaio, più di 300 persone hanno tentato di attraversare il confine, ma soltanto 209 di loro hanno avuto successo e si sono diretti verso il Centro di Permanenza Temporanea per i Migranti (CETI). La Guardia Civile è intervenuta e, nello scontro, un agente e 4 migranti sono stati feriti. Il presidente di Melilla, Juan José Imbroda, e il delegato del governo, Abdelmalik El Barkani, hanno entrambi espresso il loro appoggio alle forze dell’ordine. El Barkani ha sottolineato nuovamente la necessità di una politica comune per quanto riguarda l’immigrazione da parte dell’Unione Europea, poiché l’attraversamento della frontiera in modo irregolare e violento non è ammissibile.

Nel 2017, circa 20.126 migranti sono giunti via mare in Spagna, senza contare quelli arrivati via terra, come nel caso di Melilla. Il numero si è quasi triplicato dal 2016, quando alle Canarie, in Andalusia e in Murcia sbarcarono circa 7.367 persone. La maggior parte degli sbarchi del 2017 è avvenuta in Andalusia, con decine di migranti tratti in salvo in mare. In totale, nel territorio sono giunti 803 barconi con 17.614 persone, 1.663 dei quali solamente nel mese di dicembre. Nella regione di Murcia, invece, sono stati contati 2.089 arrivi, contro i 423 delle Canarie.

Sicurezza Internazionale è il primo quotidiano italiano dedicato alla politica internazionale.

Traduzione dallo spagnolo e redazione a cura di Chiara Romano

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.