Siria: attacco alla base russa, due morti

Pubblicato il 4 gennaio 2018 alle 16:47 in Russia Siria

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

È di due morti il bilancio dell’attacco a colpi di mortaio contro la base militare russa di Khmeimim in Siria dello scorso 31 dicembre. Lo ha reso noto il ministero della Difesa russo.

Il 31 dicembre un gruppo di terroristi ha sparato colpi di mortaio contro la base russa, per la seconda volta in pochi giorni. Un attacco simile risale al 27 dicembre, e non avrebbe causato vittime secondo le autorità di Mosca.

Le forze di sicurezza siriane stanno cercando i responsabili e hanno rafforzato la protezione del territorio adiacente all’aerodromo. Mosca ha definito gli attacchi come “tentativi di sabotaggio” della conferenza sulla pace in Siria prevista per la fine del mese di gennaio a Sochi.

Il ministero della Difesa ha smentito al contempo in un comunicato ufficiale le notizie diffuse da alcuni media sulla distruzione di sette aerei.

Il 2 gennaio il ministero della difesa ha reso noto che il 31 dicembre un elicottero Mi-24 è caduto a 15 chilometri dall’aerodromo di Hama. Entrambi i piloti sono rimasti uccisi e l’ufficiale tecnico è rimasto gravemente ferito. L’incidente, ha comunicato Mosca, sarebbe stato causato da un guasto meccanico del velivolo e non da un ulteriore attacco da parte di gruppi ribelli.

Presso la base di Khmeimim è stanziato il contingente dell’Aeronautica militare russa che ha sostenuto le operazioni di terra dell’esercito siriano contro l’ISIS e altri gruppi ribelli anti-governativi sin dal 2015.

Lo scorso 11 dicembre, il presidente russo Vladimir Putin ha annunciato il ritiro di parte del contingente russo dalla Siria, ma ha deciso di mantenere la presenza russa a Khmeimim e Tartus, in seguito ad un accordo siglato con il presidente siriano Assad, approvato il via definitiva dalla camera alta del parlamento russo lo scorso 26 dicembre.

Sicurezza internazionale è il primo quotidiano italiano dedicato alla politica internazionale

Traduzione dal russo e redazione a cura di Italo Cosentino

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.