Elicottero russo precipita in Siria: 2 morti

Pubblicato il 3 gennaio 2018 alle 18:06 in Russia

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

Il 31 dicembre scorso un elicottero Mi-24 in dotazione alle forze armate russe di stanza in Siria è precipitato presso l’aeroporto di Hama durante un volo. Entrambi i piloti sono morti durante un tentativo di atterraggio d’emergrenza a 15 km dall’aeroporto.

Durante l’atterraggio d’emergenza è rimasto ferito l’ingegnere di bordo che è stato evacuato e portato all’aeroporto di Khmeimim dalle squadre di ricerca e soccorso dove gli sono state garantite le prime cure. Lo schianto dell’elicottero non ha provocato né esplosioni né incendi. 

A dare la notizia è stato, nel corso della mattinata di oggi 3 gennaio, il Ministero della Difesa della Federazione russa, che ha spiegato che l’elicottero è precipitato a seguito di un malfunzionamento del sistema tecnico. Mosca nega dunque sia l’errore umano, sia, soprattutto, ogni atto di guerra.

Le forze armate russe escludono dunque ogni legame con il lancio di razzi da parte di militanti anti-governativi contro l’aeroporto di Latakia e contro le forze di Mosca di stanza nella base militare di Khmeimim risalente allo scorso 27 dicembre.

Allora Mosca aveva parlato di “provocazione” volta a far saltare i negoziati di pace inter-siriani sponsorizzati dalla Russia, dalla Turchia e dall’Iran.

“Vediamo nerl tentativo di ieri di attaccare l’esercito russo nella base di khmeimim un altro anello della catena di incessanti e ripetute provocazioni, forse orchestrate dall’estero, che coinvolgono i terroristi radicali dell’opposizione siriana, allo scopo di interrompere il positivo sviluppo della situazione in Siria e in particolare, la creazione di ostacoli alla convocazione e alla tenuta del congresso del dialogo nazionale siriano il 29-30 gennaio a Sochi ” – aveva dichiarato la portavoce del Ministero degli Esteri Marija Zacharova.

Sicurezza internazionale è il primo quotidiano italiano dedicato alla politica internazionale

Traduzione dal russo e redazione a cura di Italo Cosentino

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.