Puskov: Poroshenko cinico nei confronti dei residenti del Donbass

Pubblicato il 2 gennaio 2018 alle 15:00 in Russia Ucraina

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

Il senatore russo Aleksej Pushkov ha definito cinico il messaggio di fine anno del presidente Poroshenko per i residenti del Donbass.

Nel suo discorso il presidente ucraino ha inviato i suoi auguri per il Nuovo anno agli abitanti della Crimea e dei territori non controllati del Donbass. “La vostra casa è l’Ucraina”, avrebbe poi affermato il leader ucraino.

“Dopo anni di bombardamenti e blocco completo, gli abitanti del Donbass hanno sentito da Poroshenko che la loro casa è l’Ucraina. Il cinismo, apparentemente, non ha limiti”, ha dichiarato Puskov.

La Crimea è diventata una regione russa a seguito del referendum del 2014, in cui il 90% dei suoi abitanti votò per l’annessione alla Russia. Le autorità ucraine continuano a considerare la regione come parte dell’Ucraina, definendola “territorio temporaneamente occupato”.

Da parte sua, Mosca ha più volte ribadito che la Crimea, in modo democratico e in piena conformità del diritto internazionale e della Carta delle Nazioni Unite, ha optato per la riunificazione con la Russia. Anche il presidente Vladimir Putin ha sottolineato in più occasioni che “la questione della Crimea è chiusa definitivamente”.

Nel 2014 le autorità dell’Ucraina hanno lanciato un’operazione militare contro le repubbliche autoproclamate della DNR e LNR, che dopo il colpo di stato in Ucraina di febbraio 2014 hanno dichiarato l’indipendenza. Secondo le ultime informazioni delle Nazioni Unite, nel corso del conflitto sono morte più di diecimila persone.

 

Sicurezza internazionale è il primo quotidiano italiano dedicato alla politica internazionale

Traduzione dal russo a cura di Italo Cosentino

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.