Libia: le forze di Haftar in pieno controllo di Bengasi

Pubblicato il 30 dicembre 2017 alle 16:37 in Africa Libia

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

Le truppe libiche della Dignity Operation hanno dichiarato concluse le operazioni militari nel distretto di Sidi Kriebiesh, a Bengasi.

Dopo gli scontri verificatisi mercoledì 27 dicembre nell’area, giovedì 28 dicembre le forze armate hanno confermato di aver preso il pieno controllo dell’hotel Balidi, nel centro della città, e delle aree circostanti, liberandole dalle milizie islamiche. Al momento i militari stanno conducendo una serie di perlustrazioni in tutto il distretto. Il comandante Wanis Bukhamada, capo delle forze armate speciali, ha dichiarato che la città è libera dai terroristi e che non ci sarà più bisogno di operazioni militari nell’area. Secondo la fonte Libya Herald, alcuni media riportano l’arresto di 6 terroristi.

Tuttavia, gli scontri sono ricominciati il 30 dicembre. Il quotidiano The Lybia Observer ha riportato che nell’area dell’hotel Balidi sono state innalzate una serie di barricate.

Haftar aveva già dichiarato Bengasi libera dai gruppi terroristici il 5 luglio, tuttavia gli scontri erano continuati nell’area di Khreibish.

La Dignity Operation è un’operazione che è stata lanciata a maggio 2014 dal generale Khalifa Haftar, il comandante militare del governo di Tobruk, con l’obiettivo di contrastare i militanti islamici a Bengasi. Il terrorismo è giunto in Libia il 3 ottobre 2014, quando nella città di Derna un gruppo di miliziani libici ha aderito alla causa del califfato islamico.

La battaglia tra le forze guidate da Haftar, la Libyan National Army, e i membri dell’ISIS è parte di un conflitto più ampio che ha coinvolto la Libia dall’ottobre 2011, dopo la morte di Muammar Gheddafi. Da allora, nel Paese sono stati creati due governi opposti, uno con sede a Tobruk e uno con sede a Tripoli. Gli accordi di Skhirat del 17 dicembre 2015 avevano imposto un unico governo sul Paese, stanziato a Tripoli e sotto la guida di Fayez Serraj, ma i due governi precedenti non riconoscono quello attuale, sostenuto dalle Nazioni Unite.

Sicurezza Internazionale è il primo quotidiano italiano dedicato alla politica internazionale.

Traduzione dall’inglese e redazione a cura di Chiara Romano

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.