Germania: intercettata rete terroristica composta da 40 donne

Pubblicato il 28 dicembre 2017 alle 6:01 in Europa Germania

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

I servizi di intelligence tedeschi hanno identificato una rete terroristica formata da 40 donne islamiste, concentrate nella regione del Nordreno-Vestfalia, il lander più popoloso della Germania.

Secondo quanto riportato dal quotidiano tedesco, Deutsche Welle, tale gruppo professa una rigida interpretazione della dottrina salafita. Il capo dell’ufficio per la Protezione della Costituzione (BfV), Burkhard Freier, ha spiegato che l’estremismo femminile in Germania sta diventando un fenomeno molto comune, in quanto le mogli o le fidanzate dei militanti arrestati cercano di prendere il loro posto, divenendo attive anche su internet, dove effettuano una massiccia attività di propaganda. Freier ha altresì avvertito che le donne della rete intercettata stanno indottrinando i propri bambini, cercando di creare una mini nuova generazione di jihadisti già presenti in Germania. Per di più, le 40 “sorelle” individuate dalle autorità tedesche hanno già ottenuto l’approvazione degli uomini, i quali si sono resi conto che le reti di donne sono molto efficaci e possono espandere il messaggio estremista più facilmente. Infine, Freier ha riferito che, date le sconfitte militari dell’ISIS in Siria e in Iraq, il numero dei foreign fighters di ritorno, sia uomini sia donne, sta aumentando di giorno in giorno, motivo per cui l’allerta deve essere massima.

Il 21 dicembre, la polizia tedesca ha arrestato un 29enne affiliato allo Stato Islamico accusato di pianificare un attentato terroristico presso la città di Karlsruhe, nel sud-ovest del Paese. In precedenza, il 22 novembre, le autorità tedesche aveva arrestato 6 rifugiati siriani legati allo Stato Islamico nel corso di operazioni antiterrorismo e ancora, il 31 ottobre, un siriano sospettato di pianificare un attacco terroristico è stato arrestato a Schwerin, nel nord della Germania.

La Germania è stato uno dei Paesi europei ad aver prodotto il maggior numero di foreign fighters che, dal 2012, sono stati circa 880. La maggior parte dei cittadini tedeschi partiti per la Siria e l’Iraq dovrebbe essersi unita all’ISIS e ad altri gruppi estremisti locali. Secondo ufficiali dell’esercito tedesco, almeno 140 foreign fighter dovrebbero essere deceduti, mentre 1/3 dovrebbe essere rientrato in Germania. Il 19 dicembre 2016, Berlino è stata teatro di una strage che ha causato la morte di 12 persone ed il ferimento di altre 48, per mano del tunisino Anis Amri, il quale si scagliò contro la folla dei mercatini di Natale della capitale a bordo di un camion. Da allora, al fine di limitare la minaccia terroristica all’interno del proprio territorio nazionale, gli agenti tedeschi stanno conducendo sistematicamente raid e indagini approfondite antiterrorismo.

Sicurezza Internazionale è il primo quotidiano italiano dedicato alla politica internazionale.

Sofia Cecinini

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.