Astana 8: verso il Congresso per il Dialogo nazionale siriano

Pubblicato il 23 dicembre 2017 alle 6:02 in Medio Oriente Siria

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

Russia, Turchia e Iran hanno stabilito la data del Congresso per il Dialogo nazionale siriano, che si terrà nella città russa di Sochi tra il 29 e il 30 gennaio 2018. Tra i temi trattati vi era altresì la questione dei detenuti siriani.

Venerdì 22 dicembre, si è concluso l’ottavo round dei negoziati di Astana, iniziati il giorno precedente, giovedì 21 dicembre, nella capitale del Kazakistan. Nel comunicato emanato dopo la conclusione dei lavori, Iran, Turchia e Russia hanno annunciato che il Congresso per il Dialogo nazionale siriano si terrà tra il 29 e il 30 gennaio 2018 nella città russa di Sochi. In merito alla questione, i tre Paesi hanno esortato i rappresentanti del governo siriano e dell’opposizione a partecipare alla sessione. Stando a quanto riferito da Al-Jazeera in lingua araba, il Partito dell’Unione Democratica curdo non prenderà parte all’incontro di Sochi.

Il Congresso per il Dialogo nazionale siriano, inizialmente, si sarebbe dovuto tenere il 18 novembre nella città russa di Sochi, ma era stato posticipato da Mosca, a causa del rifiuto di partecipare da parte dell’opposizione siriana e dell’opposizione della Turchia alla presenza del Partito dell’unione democratica curdo. Ankara considera le People’s Protection Units, una milizia siriana a maggioranza curda, parte del Partito dei lavoratori del Kurdistan (PKK), un partito politico e paramilitare curdo attivo in Turchia e nel nord dell’Iraq e ritenuto illegale dalla Turchia.

Secondo il presidente russo, Vladimir Putin, il Congresso per il Dialogo nazionale avrebbe il compito di riunire i delegati di vari partiti politici siriani, dell’opposizione interna ed esterna,  di tutti i gruppi etnici e confessionali attorno al tavolo dei negoziati per discutere le questioni chiave dell’agenda nazionale per la Siria, tra cui la futura struttura dello Stato, l’adozione di una nuova Costituzione, lo svolgimento di elezioni basate sulle regole stabilite in comune, sotto la supervisione delle Nazioni Unite.

Il 19 e il 20 gennaio 2018, Iran, Russia e Turchia si riuniranno a Sochi in una sessione speciale, in preparazione alla Conferenza per il Dialogo nazionale, stando a quanto riferito nel comunicato emanato dai tre Paesi venerdì 22 dicembre, nel quale viene menzionato altresì il nono round dei negoziati di Astana, programmato per il mese di febbraio 2018.

Oltre alla Conferenza per il Dialogo nazionale, Mosca, Ankara e Teheran hanno altresì discusso la questione dei detenuti siriani. Il capo della delegazione dell’opposizione, Ahmad Tumah, ha riferito che le parti hanno compiuto numerosi progressi sull’argomento e hanno concordato un meccanismo generale per analizzare il problema. L’opposizione ha altresì discusso le violazioni commesse dal regime siriano all’interno delle zone cuscinetto e il proprio impegno a realizzare una transizione politica verso un sistema democratico civile.

Da parte sua, la delegazione del governo siriano del presidente Bashar Al-Assad, guidata da Bashar Jafaari, ha dichiarato che le truppe turche e americane dovrebbero ritirarsi immediatamente dal territorio siriano.

Sicurezza Internazionale è il primo quotidiano italiano dedicato alla politica internazionale.

Traduzione dall’arabo e redazione a cura di Laura Cianciarelli

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.