Egitto: 2 miliardi di dollari dall’FMI

Pubblicato il 22 dicembre 2017 alle 10:24 in Africa Egitto

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

Il Fondo Monetario Internazionale ha approvato la terza tranche di un finanziamento triennale per l’Egitto.

Mercoledì 19 dicembre, il Fondo Monetario Internazionale ha approvato l’invio della terza rata, del valore di 2 miliardi di dollari, all’Egitto. Si tratta della terza tranche di un prestito triennale del valore totale di 12 miliardi di dollari.

L’11 novembre 2016, il Consiglio di amministrazione del Fondo Monetario Internazionale aveva approvato un finanziamento triennale per l’Egitto del valore di 12 miliardi di dollari, mirato a supportare il programma di riforme economiche del Paese. Gli obiettivi erano quelli di garantire la stabilità macro economica e promuovere la crescita inclusiva. Subito dopo l’approvazione del finanziamento, il Fondo aveva inviato al Cairo la somma di 2,75 miliardi di dollari. Il budget restante è stato scaglionato per il periodo di durata del programma.

Al fine di ottenere tale finanziamento, l’Egitto ha introdotto una serie di riforme drastiche, che comprendevano l’applicazione di un’imposta sul valore aggiunto (IVA) e la riduzione dei sussidi energetici. In merito alla situazione economica dell’Egitto, il primo vice amministratore delegato del Fondo Monetario Internazionale, David Lipton, ha dichiarato: “Le prospettive sono favorevoli, ma richiederanno sforzi sostenibili per mantenere politiche prudenti e avanzare riforme strutturali al fine di sostenere gli obiettivi a medio termine delle autorità, ovvero la crescita inclusiva e la creazione di posti di lavoro”. Lipton ha aggiunto: “la riforma sui sussidi energetici è fondamentale per realizzare gli obiettivi fiscali del programma”, per far diminuire il debito pubblico.

In seguito al rovesciamento del presidente egiziano Hosni Mubarak, nel 2011, l’economia dell’Egitto ha avuto un tracollo a causa dell’instabilità politica e delle questioni legate al mantenimento della sicurezza nel Paese. Secondo le stime del Fondo Monetario Internazionale, l’economia egiziana dovrebbe crescere del 4,2% quest’anno, una percentuale superiore alle aspettative, mentre il tasso di inflazione, che nel mese di agosto superava il 33%, sta diminuendo e dovrebbe assestarsi intorno al 13% entro al fine del 2018.

Sicurezza Internazionale è il primo quotidiano italiano dedicato alla politica internazionale.

Traduzione dall’inglese e redazione a cura di Laura Cianciarelli

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.