Colombia: ucciso leader contadino

Pubblicato il 20 dicembre 2017 alle 21:05 in America Latina Colombia

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

 

Il Difensore Civico del Popolo in Colombia ha riferito il 18 dicembre scorso dell’omicidio nel dipartimento di Magdalena di un leader contadino e membro delle Mesas di Participación de Víctimas.

Tramite il suo account Twitter ufficiale, il Difensore Civico del Popolo, Carlos Alfonso Negret Mosquera, ha denunciato l’omicidio di José Rafael de la Hoz Villa, ed ha lanciato un appello affinché sia fatta chiarezza rapidamente.

“Condanniamo l’omicidio di Jose Rafael de la Hoz Villa, che era un membro delle Mesas di Participación de Víctimas” – ha dichiarato l’alto funzionario colombiano.

Il leader contadino è stato trovato ucciso in una fattoria vicina alla comunità “Las Canoas”, nel dipartimento di Magdalena, appartenente alla regione caraibica colombiana, nel nord-est del paese.

Le indagini preliminari indicano che il corpo è stato trovato con numerose ferite da coltello in una zona vicino la propria abitazioni.

Lunedì 18 dicembre le organizzazioni popolari del dipartimento del Cauca hanno respinto le dichiarazioni del ministro della Difesa Luis Carlos Villegas, che ha citato tra le cause dei crimini contro i leader sociali come “delitti passionali o problemi tra vicini”.

Per Deivin Hurtado, coordinatore della Rete dei Diritti Umani nella zona sud-ovest del paese, tali dichiarazioni riflettono la mancanza di garanzie per l’esercizio della difesa dei diritti umani. Allo stesso modo, Gerardo Vega, difensore dei diritti umani, ha affermato che l’impunità è incoraggiata da questo tipo di affermazioni.

Le Mesas de Participación de Víctimas – letteralmente tavoli di partecipazione delle vittime – sono organizzazioni sociali organizzate localmente tramite cui le comunità vittime del lungo conflitto armato che ha insanguinato la Colombia dal 1964 al 2016 organizzano, gestiscono e indirizzano le politiche pubbliche di assistenza e sostegno alle vittime del conflitto.

Secondo i dati dell’Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati, quest’anno 80 leader di organizzazioni sociali sono stati assassinati in Colombia.

Sicurezza internazionale è il primo quotidiano italiano dedicato alla politica internazionale

Traduzione dallo spagnolo e redazione a cura di Italo Cosentino

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.