GB: creato un fondo per migliorare le relazioni con la Cina

Pubblicato il 17 dicembre 2017 alle 13:10 in Cina UK

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

L’ex primo ministro inglese, David Cameron, gestirà un fondo di 750 milioni di sterline per migliorare le relazioni con la Cina e i partner commerciali di entrambi i Paesi.

Per tre giorni al mese, David Cameron lavorerà per gestire il nuovo fondo privato, supportato dal governo britannico e guidato da istituzioni sino-britanniche, che verrà impiegato per migliorare la rete di strade, porti e ferrovie tra la Cina e i suoi partner commerciali e verrà inserito nell’ottica del progetto Belt and Road, noto anche come la Nuova Via della Seta. Il fondo, che non toccherà il denaro dei contribuenti, sarà registrato in Irlanda per questioni relative alle tasse. Il nuovo ruolo dell’ex premier è stato discusso dall’Advisory Committee on Business Appointments, una commissione legislativa inglese che regola le nuove cariche degli ex ministri, primi ministri e altri servitori della Corona. Da quando si è dimesso, in seguito al referendum per la Brexit del 23 giugno 2016, Cameron ha mantenuto un profilo basso, ricoprendo principalmente cariche non remunerative, come ad esempio la presidenza per il Comitato di ricerca sull’Alzheimer del Regno Unito o il ruolo di consulente presso il Consiglio per le Relazioni Estere.

La creazione di questo fondo è stata annunciata venerdì 16 dicembre, congiuntamente ad una serie di accordi, durante l’incontro a Pechino tra il premier cinese, Li Keqiang, e il Cancelliere dello Scacchiere inglese, Philip Hammond, in occasione del nono Dialogo Economico e Finanziario tra Cina e Gran Bretagna. Durante questo incontro, le due autorità hanno discusso i piani di cooperazione in materia di commercio, investimenti, finanza ed energia nucleare. Li Keqiang e Hammond hanno anche approvato accordi commerciali pari a 1,4 miliardi di sterline, cifra che verrà impiegata per accelerare lo sviluppo delle iniziative connesse alla borsa tra Londra e Shanghai, creare migliaia di nuovi lavori in entrambi i Paesi e migliorare la cooperazione sino-britannica. La Cina è il secondo più grande mercato di esportazione per il Regno Unito al di fuori dell’Unione Europea e questi accordi non faranno altro che rafforzare la nuova “età dell’oro” tra i due Paesi, espressione coniata dallo stesso David Cameron durante il suo mandato a Downing Street.

L’ex primo ministro, infatti, ha ricoperto un ruolo fondamentale per lo sviluppo ed il rafforzamento delle relazioni e della cooperazione commerciale con Pechino. Nel 2012, in seguito alla visita di Cameron al Dalai Lama, le relazioni tra Londra e Pechino si deteriorarono. Alla fine del 2013 l’ex premier visitò la Cina, ripristinando i rapporti con il Paese, che da allora hanno cominciato a migliorare, tanto che Cameron descrisse la rinnovata relazione con la Cina una nuova “età dell’oro” nella storia dei rapporti fra i due Paesi.

Sicurezza Internazionale è il primo quotidiano italiano dedicato alla politica internazionale.

Traduzione dall’inglese e dal cinese e redazione a cura di Chiara Romano

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.