Austria: coalizione di estrema destra al governo

Pubblicato il 16 dicembre 2017 alle 12:21 in Austria Europa

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

Il Partito Popolare Austriaco e il Partito delle Libertà Austriaco hanno formato un governo di coalizione, rendendo l’Austria l’unico Paese dell’Europa occidentale ad essere governato da un partito di estrema destra.

Venerdì 15 dicembre, la radiotelevisione nazionale austriaca ORF ha riportato che il Partito Popolare Austriaco, il partito conservatore di centro-destra, tendente a destra, e il Partito della Libertà Austriaco, di estrema destra, hanno stretto un’alleanza. Il nuovo cancelliere sarà il trentunenne Sebastian Kurz, colui che ha rimodernato il Partito Popolare, che diventerà il leader più giovane in Europa. Il vice cancelliere sarà Heinz-Christian Stache, del Partito della Libertà. È la prima volta in più di dieci anni che al governo austriaco figura l’estrema destra. Ulteriori dettagli sulla coalizione verranno pubblicati sabato 16, non appena i due partiti approveranno l’accordo e il presidente austriaco Alexander Van der Bellen verrà informato. Il nuovo governo diventerà operativo la settimana prossima, riportano fonti austriache.

A maggio 2017, la coalizione al governo, guidata dal cancelliere Christian Kern, dei Socialdemocratici, e dal partito di Kurz, è venuta meno, portando alle elezioni anticipate dopo solo 12 mesi di governo Kern. Il 15 ottobre il Partito Popolare è risultato vincitore e ha dovuto formare una coalizione con il Partito della Libertà, arrivato terzo alle elezioni, poiché non aveva ottenuto la maggioranza dei voti.

La campagna elettorale di Kurz è stata incentrata sulla problematica dell’immigrazione, così come quella del Partito della Libertà. Sin dall’inizio della crisi di rifugiati, nel 2015, il panorama politico austriaco ha sempre teso verso destra, a causa del gran numero di richiedenti asilo che hanno raggiunto il Paese, in fuga dalle violenze del Medio Oriente, come riporta la CNN. In quell’anno, l’Austria accolse il numero più alto di richiedenti asilo in Europa. Molti elettori la ritennero un’invasione ed entrambi i partiti al potere promisero che un evento del genere non si sarebbe più ripetuto

Sebastian Kurz, che è il ministro degli Affari Esteri per il governo Kern, ha sempre avuto posizioni dure in materia di immigrazione, sottolineando la necessità di limitare il numero di rifugiati in Europa. Nel 2016 ha deciso di limitare gli accessi degli immigrati al confine con i Balcani, per contenere il flusso di migranti, mentre quest’anno ha proposto un piano di isolamento delle rotte mediterranee verso l’Europa e una legge, approvata all’inizio di dicembre, per vietare il velo integrale alle donne. Il Partito della Libertà Austriaco, invece, durante la sua campagna elettorale aveva sottolineato il bisogno di controlli più duri sui flussi migratori e la necessità di reprimere il radicalismo islamico.

Sicurezza Internazionale è il primo quotidiano italiano dedicato alla politica internazionale.

Traduzione dall’inglese e redazione a cura di Chiara Romano

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.