Crimea: risposta a dichiarazione del Parlamento Europeo su militarizzazione della penisola

Pubblicato il 12 dicembre 2017 alle 15:00 in Russia Ucraina

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

“La Russia non sta militarizzando la Crimea, come indicato nella relazione del Parlamento Europeo, sta semplicemente difendendo la penisola da potenziali minacce esterne, in particolare da parte dell’Ucraina”, ha dichiarato il vice presidente del Parlamento della Crimea, Remzi Ilyasov, nel corso di un’intervista al quotidiano russo RIA Novosti.

In precedenza era emerso un rapporto della Direzione Generale del Parlamento Europeo per la Politica Estera in cui si sosteneva che la Russia avesse militarizzato la Crimea e Kaliningrad. Il documento sottolineava inoltre che l’annessione della penisola da parte della Russia ha stravolto l’equilibrio militare nella regione a favore di Mosca, con i paesi del Mar Nero che ora devono tenere d’occhio navi, truppe e i sistemi missilistici russi.

“La Russia non ha affatto militarizzato la Crimea. Ci stiamo semplicemente adoperando per proteggere la popolazione locale dalle costanti minacce sopraggiunte in particolar modo dall’Ucraina. La Russia è nel giusto, e il suo compito principale è quello di garantire la sicurezza di tutti i suoi cittadini e la difesa dei confini del Paese. La Crimea è territorio della Federazione Russa ed è dunque suo diritto proteggere il proprio territorio e la sicurezza dei suoi cittadini i quali affidano ad essa il proprio futuro “, ha dichiarato Ilyasov.

Secondo il vice presidente del Parlamento della Crimea, inoltre, diversi paesi occidentali incoraggerebbero Kiev ad inasprire la situazione al confine con la Crimea e a destabilizzare la penisola con l’aiuto di gruppi sovversivi e con conflitti etnici.

“Il Parlamento Europeo dovrebbe piuttosto prestare maggiore attenzione all’Ucraina. È lì che è in corso una vera e propria militarizzazione, con il pretesto della necessità di proteggere i confini del Paese”, ha concluso Ilyasov.

 

Sicurezza internazionale è il primo quotidiano italiano dedicato alla politica internazionale

Traduzione dal russo a cura di Italo Cosentino

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.