Il Marocco e il Sudafrica riattiveranno le relazioni diplomatiche

Pubblicato il 5 dicembre 2017 alle 20:13 in Marocco Sudafrica

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

Il Sudafrica e il Marocco riallacceranno i rapporti diplomatici dopo 13 anni dal ritiro degli ambasciatori marocchini da Pretoria.

La notizia è stata annunciata dal presidente sudafricano domenica 4 dicembre 2017, nel corso di un’intervista. I due Paesi avevano interrotto le relazioni nel 2004, dopo che l’ex presidente del Sudafrica, Thabo Mbeki, aveva riconosciuto l’indipendenza di una regione situata nel Sahara Occidentale, che il Marocco sosteneva fosse parte del suo territorio nazionale.

La disputa tra il Marocco e il Sahara Occidentale affonda le radici negli anni 1975-76, quando le autorità di Rabat, in seguito al ritiro del dominio spagnolo, presero il controllo di due terzi del territorio del Sahara Occidentale. Contemporaneamente, il movimento di liberazione Polisario Front dichiarò la Sahara Arab Democratic Republic (SADR), instaurando un governo in esilio in Algeria, dove scapparono migliaia di rifugiati locali. Successivamente, nel 1984, dopo l’ammissione del Sahara Occidentale come membro separato nell’Unione Africana (AU), allora chiamata Organization of African Unity (OAU), il Marocco decise di uscire, considerando il Polisaro Front un’organizzazione terroristica. Rabat ritiene tutt’oggi che il territorio del Sahara Occidentale, ricco di vaste riserve di fosfato, sia parte del regno. Dall’altra parte, il Polisario Front si batte ancora per l’indipendenza e vorrebbe indire un referendum per l’autodeterminazione del proprio territorio, dove vivono circa mezzo milione di individui. Il primo febbraio 2017, dopo 33 anni di assenza, il Marocco è rientrato a far parte dell’Unione Africana.

“Il Marocco è una nazione africana e dobbiamo avere relazioni con lei”, ha dichiarato Zuma alla stampa, aggiungendo che il Sudafrica non ha mai avuto problemi con le autorità di Rabat, le quali furono le prime a voler interrompere i legami diplomatici. In occasione di un meeting dell’Unione Africana, la scorsa settimana, Zuma aveva incontrato il sovrano marocchino, re Mohammed VI, con il quale aveva concordato la necessità di riattivare le relazioni.

Secondo il quotidiano The New Arab, la mossa fa parte della reintegrazione diplomatica del Marocco tra le nazioni africane da cui si era allontanato per via delle visioni differenti sul Sahara Occidentale. L’annuncio di Zuma, tuttavia, potrebbe non essere accolto positivamente dalla popolazione sudafricana, che, per la maggior parte, sostiene l’indipendenza del Polisaro Front. Lo stesso partito di Zuma, l’African Nation Congress, ha accusato per lungo tempo le autorità di Rabat di occupare illegalmente la regione del Sahara Occidentale. In seguito all’annuncio del presidente, i suoi sostenitori hanno emesso un comunicato in cui affermano che, nonostante le divergenze sulla questione, non significa che i due Paesi non possano avere relazioni stabili.

Sicurezza Internazionale è il primo quotidiano italiano dedicato alla politica internazionale.

Sofia Cecinini

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.