Nigeria: iniziato il rimpatrio dei migranti nigeriani dalla Libia

Pubblicato il 30 novembre 2017 alle 15:21 in Immigrazione Nigeria

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

Il presidente nigeriano, Muhammadu Buhari, mercoledì 29 novembre 2017, ha annunciato che le autorità di Abuja si impegneranno a rimpatriare tutti i migranti nigeriani che si trovano in Libia.

La decisione è stata presa in seguito alla pubblicazione da parte della CNN di un video in cui vengono mostrati migranti africani venduti all’asta come schiavi, in una baracca poco lontana da Tripoli. Il filmato ha provocato l’indignazione della comunità internazionale, tanto che il segretario generale dell’Onu, Antonio Guterres, ha definito la schiavitù “un crimine contro l’umanità”. Il 29 novembre scorso, la Francia ha esortato il Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite ad adottare sanzioni contro gli individui coinvolti nel traffico e nelle torture dei migranti africani in Libia. Alla luce di tutto ciò, il governo di Tripoli, guidato dal premier Fayez Serraj e sostenuto dall’Onu, ha annunciato l’organizzazione di voli per rimpatriare i migranti che sono tenuti prigionieri nei centri di detenzione libici. L’iniziativa, in collaborazione con l’Organizzazione Internazionale per le Migrazioni (IOM) e la UN Refugee Agency (UNHCR), prevede che le autorità di Tripoli organizzino aerei almeno due o quattro volte a settimana. Al momento, 240 migranti nigeriani sono stati rimpatriati, mentre tutti gli stranieri presenti presso il centro di detenzione Tarik al-Sikka, nella capitale libica, hanno ricevuto i documenti di viaggio temporanei, insieme a vestiti e abiti, in attesa di essere trasportati all’aeroporto. 

“La situazione in Libia, dove le persone sono vendute come schiavi, è terribile e inaccettabile. Faremo tutto ciò che è in nostro potere per proteggere i nostri cittadini, ovunque si trovino”, ha dichiarato Buhari sul proprio account Twitter. Il presidente nigeriano, al momento, si torva ad Abidjan, in Costa d’Avorio, dove il 30 novembre 2017 si conclude il summit tra l’Unione Europea e l’Unione Africana, concentrato sul tema dell’immigrazione.

I cittadini nigeriani costituiscono la principale nazionalità di migranti giunti in Italia dalla Libia dal primo gennaio al 30 novembre 2017, pari a 18.049, seguiti dai cittadini della Guinea, Costa d’Avorio, Bangladesj e Mali.

La Nigeria è un Paese dell’Africa occidentale che possiede l’economia più prosperosa di tutto il continente, ed è una delle nazioni più influenti della regione. Oltre a essere la principale produttrice di petrolio del dell’Africa, è la quarta esportatrice di gas naturale al mondo. Nonostante ciò, il Paese è dilaniato dalla furia dei jihadisti di Boko Haram, gruppo fondamentalista nigeriano che dal 2006 sparge terrore in tutto il Paese, soprattutto nel nord-est, e nei vicini Camerun, Ciad e Niger. Dal 2009 a oggi, più di 20,000 persone sono state uccise nella sola Nigeria, e quasi 3 milioni di cittadini sono stati costretti ad abbandonare le proprie case. 

Sicurezza Internazionale è il primo quotidiano italiano dedicato alla politica internazionale.

Sofia Cecinini

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.