Mali: 4 peacekeeper morti in due attacchi separati

Pubblicato il 28 novembre 2017 alle 6:01 in Africa Mali

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

Almeno 4 peacekeeper delle Nazioni Unite e un soldato maliano sono morti, mentre altri 21 sono rimasti feriti, in due attacchi separati nel nord del Mali, venerdì 24 novembre 2017.

Secondo quanto riportato da al-Jazeera in lingua inglese, il primo assalto si è verificato a Indelimane, dove sono rimasti uccidi soldati del Niger e un ufficiale del Mali, mentre il secondo vicino a Douentza, dove è morto il quarto peacekeeper. Al momento, nessun gruppo ha rivendicato gli attacchi. In un comunicato, il segretario generale dell’Onu, Antonio Guterres, ha condannato gli incidenti, definendoli “oltraggiosi” nei confronti della MINUSMA, la missione delle Nazioni Unite in Mali, riferendo che gli attacchi contro i peacekeeper potranno essere considerati “crimini di guerra”.

La MINUSMA, iniziata il 25 aprile 2013 e comprensiva di 11,000 truppe, ha l’obiettivo di fornire assistenza alle truppe maliane, nel tentativo di innalzare il livello di sicurezza del Mali. Tuttavia, i continui attacchi dei gruppi terroristici hanno reso i soldati di tale missione il gruppo di peacekeeping più colpito al mondo. L’ultimo attentato si era verificato il 26 ottobre 2016, aveva causato la morte di 3 soldati del Ciad, nel nord del Paese. Secondo le stime dell’Onu, dal 2013 a oggi sarebbero morti complessivamente 146 membri della missione

La sicurezza del Mali è peggiorata da quanto, nel 2013, le forze francesi locali hanno respinto i ribelli islamisti e Tuareg dai territori a nord che erano stati occupati nel corso dell’anno precedente. Da allora, si verificano periodicamente attacchi. Inizialmente le azioni terroristiche erano concentrate nel deserto del nord ma, nel corso del tempo, si sono estese anche nel centro e nel sud del Paese. Al-Qaeda del Maghreb (AQIM) è attiva in Mali, dove ha compiuto un attentato, il 20 novembre 2015, contro un hotel di Bamako, in cui sono morte 20 persone. Da allora è stato indetto uno stato di emergenza, che è stato prolungato per sei mesi lo scorso aprile.

Sicurezza Internazionale è il primo quotidiano italiano dedicato alla politica internazionale.

Sofia Cecinini

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.