Macron sull’Europa, Trump e Putin

Pubblicato il 18 novembre 2017 alle 17:45 in Europa Francia

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

Il presidente francese Emmanuel Macron sostiene che i presidenti Donald Trump e Vladimir Putin stiano minacciando i valori occidentali di apertura e tolleranza, ma che isolarli dall’Europa sarebbe controproducente.

“Se decidete di allontanarli dall’Europa e dai nostri valori, dicendo loro ‘state tradendo i nostri valori’, li perdete”, ha riferito Macron alla BBC.

In molti considerano Trump e Putin, rispettivamente il leader statunitense e quello russo, in aperta opposizione ai principi liberali dell’Occidente.

Il presidente francese Macron, in occasione dell’inaugurazione di un nuovo museo Louvre ad Abu Dhabi, ha parlato del museo come di un simbolo di tolleranza e diversità nella regione.

“Siamo all’epicentro di una serie di conflitti e battaglie interni al mondo islamico”, ha affermato in un’intervista durante il fine-settimana. “È molto importante per me incoraggiare coloro che difendono un Islam aperto”.

A suo dire, l’Occidente ha commesso un errore abbandonando un “discorso fondamentale” circa i propri valori e la propria identità, e la Francia aveva ed ha il compito di difendere tali valori anche all’estero.

Appello ad un ‘discorso’ europeo

“Avete bisogno di un discorso collettivo, di un obiettivo comune, di una comune immaginazione”, ha affermato Macron. “È stato il punto di forza di Daesh [acronimo francese dell’ISIS] – è stato una promessa di morte”.

“E secondo me uno dei problemi della società occidentale e dei Paesi occidentali durante lo scorso decennio è stato l’abbandono dell’immaginazione, dell’ambizione, di una visione [comune]”, ha continuato il presidente francese. “Nessuno si innamora del mercato unico, del mercato finanziario, delle riforme del lavoro o della prospettiva di bilancio. [Gli individui] sono motivati grazie a un discorso più grande”.

Il presidente della Francia ha affermato che è stata “la paranoia, il loro senso di minaccia, e la loro volontà di proteggere qualcosa” che ha fatto sì che leader come il presidente Putin scegliessero una rotta diversa, un cammino differente; tuttavia, secondo Macron, il presidente russo si è dimenticato che parte della cultura del suo Paese riguarda anche l’apertura, e che il futuro della Russia è immancabilmente legato a quello dell’Europa.

Emmanuel Macron ha iniziato il suo mandato presidenziale sei mesi fa, promettendo che avrebbe trasformato l’economia, la società e finanche l’identità del suo Paese. Da allora, egli ha compiuto 28 viaggi all’estero e ha fissato nuovi obiettivi per l’Unione Europea, volti a dotare l’Europa di una nuova visione collettiva e a promuovere i vantaggi dell’Unione a livello locale e nazionale.

 

Sicurezza internazionale quotidiano sulla politica internazionale.

Traduzione dall’inglese e redazione a cura di Claudia Castellani

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.