Indonesia: molti studenti favorevoli al Califfato islamico

Pubblicato il 3 novembre 2017 alle 6:04 in Asia Indonesia

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

Il 20% degli studenti delle superiori sono favorevoli alla creazione di un Califfato islamico in Indonesia, il paese a maggioranza islamica più grande del mondo.

L’Indonesia è un paese a maggioranza musulmana con un governo laico che tutela – in base alla costituzione – la diversità religiosa e le minoranze di fede cristiana, induista e pagana. La maggior parte degli indonesiani pratica una forma moderata di Islam, ma nel paese vi sono diverse organizzazioni terroristiche estremiste. Secondo un sondaggio effettuato da Jakarta, il 20% dei 4200 studenti delle superiori intervistati sull’isola di Java – dove vive la metà della popolazione totale dell’Indonesia – sono favorevoli alla sostituzione dell’attuale governo laico con un califfato islamico. Non solo, uno studente su quattro si è dichiarato pronto ad unirsi al jihad per costituirlo.

I risultati del sondaggio sono preoccupanti, secondo Alvara, l’organizzazione che lo ha condotto. Le risposte degli studenti dimostrano che gli “gli insegnamenti intolleranti e radicali sono penetrati nelle scuole superiori e nelle università più prestigiose del paese”. Il governo e le organizzazioni islamiche moderate dovrebbero attivarsi immediatamente per anticipare una radicalizzazione sempre maggiore delle fasce più giovani della popolazione.

Le tendenze estremiste in Indonesia si stanno diffondendo. Nell’aprile 2017, l’ex governatore di Jakarta, di fede cristiana, non solo non è stato rieletto, ma è stato imprigionato e condannato per aver insultato l’Islam e per blasfemia con una sentenza ritenuta ingiusta da molti. La sentenza è stata fortemente voluta dai gruppi musulmani estremisti che in passato avevano spesso manifestato contro l’allora governatore.

I gruppi estremisti come lo Islamic Defenders Front (FPI) chiedono da tempo l’imposizione della sharia e un governo composto da soli musulmani. Il presidente dell’Indonesia, Joko Widodo e il suo governo stanno tentando di tenere sotto controllo la crescita dei gruppi estremisti, soprattutto all’interno degli istituti di formazione. Nel mese di ottobre, il governo ha approvato un decreto presidenziale che vieta la creazione e stabilisce lo scioglimento di qualunque organizzazione civile che vada contro l’ideologia secolare del paese.

Sicurezza Internazionale quotidiano di politica internazionale.

Consultazione delle fonti inglesi e redazione a cura di Ilaria Tipà

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.