Doha apre ufficio militare a Washington

Pubblicato il 26 ottobre 2017 alle 6:01 in Qatar USA e Canada

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

Il Qatar ha aperto un nuovo ufficio militare a Washington, nel quartiere di Georgetown, vicino all’ambasciata qatarina.

Tale mossa è in linea con l’obiettivo di diventare uno dei principali partner degli Stati Uniti nella lotta contro il terrorismo, dal momento che la crisi del Golfo non è ancora volta al termine.

Il 5 giugno 2017, Arabia Saudita, Emirati Arabi Uniti, Bahrein ed Egitto avevano interrotto le relazioni diplomatiche con Doha, accusandola di sostenere e finanziare le organizzazioni terroristiche. Il 23 giugno, i quattro Paesi avevano inviato al Qatar, attraverso la mediazione del Kuwait, una lista di 13 richieste che il Paese avrebbe dovuto accettare entro dieci giorni. Doha aveva rifiutato tali richieste, giudicandole in contrasto con il principio di sovranità nazionale, affermando, però, di essere pronta al dialogo per trovare una soluzione alla crisi. Nonostante ciò, la crisi del Golfo non è ancora stata risolta.

Il segretario di Stato americano, Rex Tillerson, ha più volte tentato di facilitare una riconciliazione tra il Qatar e gli altri Paesi arabi ma, fino ad ora, i suoi sforzi non hanno avuto successo. In occasione delle proprie visite ufficiali a Riad, il 21 settembre, e a Doha, il 22 settembre 2017, Tillerson ha esortato nuovamente i due Paesi a dialogare.

Allo scoppio della crisi, il presidente Donald Trump aveva dichiarato di sostenere la posizione dell’Arabia Saudita, ma la necessità di arrivare a una soluzione ha portato l’amministrazione americana ad assumere un ruolo da mediatrice.

Il Qatar è un importante partner strategico degli Stati Uniti, in quanto ospita la base militare di Al-Udeid, che rappresenta il principale centro dal quale partono le operazioni aeree contro l’ISIS in Siria e in Iraq. Al-Udeid, situata nella zona a sud-ovest di Doha, viene utilizzata sia dall’aeronautica militare americana, sia da quella qatarina, sia dalle forze della coalizione internazionale a guida americana che bombarda lo Stato Islamico. La base è stata costruita nel 1996 ed è stata utilizzata per la prima volta dagli Stati Uniti nel 2001 per condurre le proprie operazioni in Afghanistan, durante la guerra iniziata il 7 ottobre 2001.

Sicurezza Internazionale quotidiano sulla politica internazionale.

Sofia Cecinini

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.