USA: imminenti nuove sanzioni contro Hezbollah

Pubblicato il 25 ottobre 2017 alle 8:44 in USA e Canada

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

Entro breve tempo, gli Stati Uniti dovrebbero imporre sanzioni contro Hezbollah che, tuttavia, non avranno impatti sul settore bancario del Libano.

La notizia è stata riferita a The New Arab da Joseph Torbey, un banchiere libanese, il quale ha spiegato che gli ufficiali americani hanno assicurato a una delegazione libanese in visita a Washington, che le nuove sanzioni non avranno conseguenze sul settore bancario nazionale.

Nel corso del mese di ottobre, gli Stati Uniti hanno aumentato la pressione nei confronti di Hezbollah attraverso l’imposizione di misure restrittive nei confronti di alcuni suoi ufficiali, e offrendo milioni di dollari in cambio della loro cattura. Le nuove sanzioni verranno imposte a quasi due anni di distanza dalla firma del documento Hezbollah International Financing Prevention Act, emesso dal precedente presidente, Barack Obama, con l’obiettivo di limitare le attività di quelle banche impegnate in affari con il gruppo libanese. Le nuove misure fanno altresì parte della strategia del presidente Donald Trump per contrastare l’Iran, principale rivale degli USA in Medio Oriente e maggiore finanziatore di Hezbollah.

Il leader dell’organizzazione libanese, Hassan Nasrallah, ha commentato la decisione americana dicendo: “Le future sanzioni non avranno impatto sulla nostra principale fonte di risorse, ma potranno colpire alcune persone che ci donano i soldi”. Nasrallah ha spiegato che la maggior parte del denaro viene ricavato direttamente dai giacimenti petroliferi iraniani.

Hezbollah, in arabo “Partito di Dio”, è un’organizzazione paramilitare sciita libanese nata nel 1982 che si è trasformata, nel tempo, in un partito politico locale. Attualmente, tale gruppo è la forza maggiore presente in Libano e, secondo alcune fonti, dovrebbe essere in possesso di un arsenale più grande di quello dell’esercito libanese. Alcuni Stati considerano un gruppo terroristico soltanto l’ala militare di Hezbollah, facendo una distinzione con il partito politico. Gli USA, al contrario, non effettuano tale separazione. La milizia libanese è accusata di aver bombardato l’ambasciata americana e le postazioni dei Marines a Beirut, nel 1983, e di aver colpito il centro culturale ebraico in Argentina, nel 1994. Nel 2012, Israele ha altresì accusato Hezbollah di aver attaccato un autobus di turisti israeliani in Bulgaria.

Sicurezza Internazionale quotidiano sulla politica internazionale.

Sofia Cecinini

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.