Trump annuncia che renderà pubblici i file segreti su J.F. Kennedy

Pubblicato il 22 ottobre 2017 alle 8:02 in USA e Canada

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

Sabato 21 ottobre il presidente americano Donald Trump ha annunciato che intende acconsentire al rilascio della documentazione governativa segreta inerente all’assassinio del presidente John F. Kennedy, finalizzata all’ottenimento di ulteriori informazioni.

Il tweet di Trump arriva pochi giorni prima del 26 ottobre, scadenza fissata dal Congresso per autorizzare la pubblicazione dei documenti ancora inaccessibili su Kennedy, ivi inclusi i file dell’FBI e della CIA.

“Acconsentirò, in qualità di Presidente, al rilascio dei file segreti su J.F. Kennedyrimasti a lungo confidenziali”, ha affermato Trump.

Stando a quanto ha riferito ai media un funzionario della Casa Bianca, il Presidente sostiene che “questi documenti debbano essere resi accessibili nell’interesse della piena trasparenza”. Un esito differente potrebbe essere giustificato solo da una “precisa e solida motivazione che poggi su ragioni di sicurezza nazionale o di rispetto della legge”.

Questa settimana la Casa Bianca ha affermato di starsi adoperando per “garantire la pubblicazionedella più ampia quantità possibile di informazioni al riguardo”entro la fine della settimana a venire.

I repubblicani membri del Congresso, tra cui il presidente del comitato giudiziario del Senato ChuckGrassley, hanno sollecitato Trump affinché permetta il completo rilascio della documentazione.

“Non c’è motivo di tenere [i file] nascosti ulteriormente”, ha postato Grassley su Twitterprecedentemente questo mese, “è ora che il popolo americano e gli storici traggano le loro conclusioni”.

Come annunciato dalla Casa Bianca, il presidente americano può impedire la divulgazione dei documenti solo qualora ritenga che essi possano costituire un pericolo per l’intelligence statunitense o una minaccia per l’applicazione della legge, l’esercito o le relazioni estere degli Stati Uniti.

Sicurezza internazionale quotidiano sulla politica internazionale.

Traduzione dall’inglese e redazione a cura di Claudia Castellani

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.