Svizzera: uno dei due tunisini arrestati è il secondo fratello di Ahmed Hanachi

Pubblicato il 11 ottobre 2017 alle 13:01 in Europa

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

Uno dei due richiedenti asilo tunisini arrestati il 10 ottobre a Chiasso, in Svizzera, è Anouar Hanachi, un altro fratello del killer di Marsiglia, Ahmed Hanachi.

Anouar, attualmente sotto la custodia della polizia svizzera, era noto alle autorità straniere per i suoi legami con movimenti jihadisti. Tuttavia, non è ancora chiaro se abbia avuto un ruolo nell’attacco della stazione ferroviaria di Marsiglia, avvenuto il primo ottobre 2017, in cui due ragazze di 17 e 20 anni sono state uccise a coltellate da Ahdem Hannachi, che è stato eliminato subito dopo dal fuoco dei soldatyi presenti sul luogo. Alcuni testimoni hanno riportato che l’uomo, prima di sferrarsi contro le due donne, aveva gridato “Allahu Akbar”. Il 2 ottobre, l’ISIS ha rivendicato l’attentato attraverso un comunicato pubblicato sull’agenzia di stampa Aamaq, scrivendo che “uno dei suoi soldati aveva commesso l’atto”.

L’incarcerazione dei due tunisini è avvenuta a pochi giorni di distanza dall’arresto dell’altro fratello hannachi, il 25enne Anis, avvenuto a Ferrara.

Al momento, l’antiterrorismo italiana non sospetta la presenza di cellule jihadiste il Italia. Dalle indagini è emerso che Ahmed Hannachi fosse stato indottrinato dal fratello Anis, il quale ha combattuto in Siria come foreign fighters dal 2014 al 2016. La Francia rimane il territorio principalmente collegato alla radicaliuzzazione del killer di Marsiglia.

L’attacco del primo ottobre scorso è stato l’ennesimo incidente di matrice islamica che ha colpito la Francia nel giro degli ultimi anni. Tra il 2015 e i primi 9 mesi del 2017, il Paese europeo è stato teatro di ben 8 attentati.

Sicurezza Internazionale quotidiano sulla politica internazionale.

Sofia Cecinini

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.