Turchia: sospesi i visti per i cittadini americani

Pubblicato il 9 ottobre 2017 alle 16:48 in Medio Oriente Turchia

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

L’ambasciata turca a Washington ha annunciato, attraverso il proprio sito internet, di aver sospeso l’emissione di visti per i cittadini americani, eccezion fatta per quelli di immigrazione, in tutti i consolati turchi presenti nel territorio degli Stati Uniti, in risposta ad una misura simile adottata dall’ambasciata americana ad Ankara.

Domenica 8 ottobre 2017, l’ambasciata degli Stati Uniti ad Ankara aveva annunciato la sospensione immediata di tutti i servizi per i visti, eccezion fatta per quelli di immigrazione, in tutte le sue rappresentanze diplomatiche in Turchia. La misura adottata da Washington impedisce ai cittadini turchi di ottenere un visto per viaggiare negli Stati Uniti, a meno che non abbiano intenzione di trasferirvisi.

Secondo un comunicato emesso dalla missione diplomatica americana nella capitale turca, la misura sarebbe stata adottata a causa degli ultimi avvenimenti, che avrebbero obbligato il governo degli Stati Uniti a rivalutare l’impegno di Ankara nel garantire la sicurezza delle strutture americane e dello staff delle missioni diplomatiche nel Paese. Nel comunicato si legge che “al fine di ridurre al minimo il numero di visitatori nella nostra ambasciata e nei nostri consolati mentre viene effettuata questa verifica, abbiamo sospeso, con effetto immediato, tutti i servizi per i visti non di immigrazione presso tutte le strutture diplomatiche in Turchia”.

Il comunicato fa riferimento a un episodio avvenuto mercoledì 4 ottobre, quando un impiegato del consolato americano a Istanbul è stato arrestato dalle autorità turche con le accuse di spionaggio e di sovvertimento dell’ordinamento costituzionale. L’uomo è sospettato di avere legami con Fethullah Gulen, un leader musulmano che si trova negli Stati Uniti, accusato da Ankara di aver partecipato al fallito colpo di stato che, il 15 luglio 2016, aveva cercato di rovesciare il governo di Erdogan.

Per tutta risposta, lo stesso giorno, domenica 8 ottobre 2017, la Turchia ha introdotto una misura analoga presso la propria ambasciata e i propri consolati negli Stati Uniti. La sospensione del rilascio dei visti, eccezion fatta per quelli di immigrazione, è entrata immediatamente in vigore e riguarda i visti per i passaporti e i visti elettronici.

Sicurezza Internazionale quotidiano sulla politica internazionale.

Traduzione dall’arabo e redazione a cura di Laura Cianciarelli

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.