Il governo iraqeno minaccia i curdi con manovre militari

Pubblicato il 30 settembre 2017 alle 14:15 in Uncategorized

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

L’esercito iraqeno si prepara a prendere il controllo dei confini della regione autonoma del Kurdistan che si trova a nord dell’Iraq.

I preparativi militari sono una reazione al voto con cui i curdi, il 25 settembre 2017, si sono pronunciati in favore dell’indipendenza dall’Iraq. Le manovre militari giungono il giorno dopo l’istituzione di un bando verso i voli internazionali che fanno uso di aeroporti in Kurdistan.

Le truppe iraqene ora in Turchia e in Iran dovrebbero avviare le operazioni per assumere il controllo dei confini della regione del Kurdistan sabato 30 settembre. Il primo ministro iraqeno, al-Abadi, insieme con la Turchia e l’Iran sta intimando al governo della regione autonoma del Kurdistan di cancellare i risultati del referendum, sotto la minaccia, di sanzioni e isolamento internazionale. I paesi citati hanno lasciato intendere che sarebbero pronti persino a un intervento militare per arrestare la strada verso l’indipendenza intrapresa dai curdi.

Leggi Sicurezza Internazionale

di Alessandro Orsini

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.