Siria: secondo accordo con l’ISIS

Pubblicato il 22 settembre 2017 alle 21:03 in Medio Oriente Siria

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

Venerdì 22 settembre 2017, le forze del regime di Bashar Al-Assad e lo Stato Islamico hanno raggiunto un nuovo accordo, secondo il quale lo Stato Islamico si allontanerà definitivamente dal governatorato di Hama.

Bandiera dell'ISIS. Fonte: Wikipedia Commons

Bandiera dell’ISIS. Fonte: Wikipedia Commons

Si tratta del secondo accordo stretto tra le due parti. Il primo era stato raggiunto il 27 agosto 2017, e consisteva in una tregua tra l’ISIS e le milizie di Hezbollah, con il beneplacito delle forze del regime siriano di Bashar Al-Assad. L’accordo prevedeva la sospensione delle operazioni militari da parte libanese, in cambio dell’indicazione dei luoghi in cui l’ISIS aveva sepolto i corpi dei soldati libanesi rapiti. La tregua stabiliva altresì il trasferimento di circa 300 militanti dello Stato Islamico dalla zona di Qalamun, al confine tra Siria e Libano, a Deir Ezzor.

Il convoglio con a bordo i militanti dello Stato Islamico era arrivato a Deir Ezzor mercoledì 13 settembre 2017, dopo che, il 31 agosto, le forze della coalizione internazionale, a guida americana, avevano lanciato un raid aereo contro di esso per ostacolarne il transito.

Il nuovo accordo prevede che centinaia di militanti dello Stato Islamico, insieme alle loro famiglie, lascino i villaggi sotto il loro controllo nella campagna orientale di Hama e nella zona centrale della Siria.

Secondo quanto riferito dall’Osservatorio siriano per i diritti umani, oggi, più di 2500 persone si sono dirette dall’area di Wadi Atheeb, nella campagna orientale di Hama, verso le zone sotto il controllo dell’organizzazione Tahrir Al-Sham.

L’accordo è stato raggiunto dopo una battaglia violenta tra le forze del regime siriano e le milizie dello Stato Islamico. Lo scontro, durato 18 giorni, ha causato la morte di centinaia di persone da entrambe le parti. Secondo quanto riferito da Al-Arabiya in lingua araba, dal 3 settembre 2017, il numero dei morti sarebbe salito a 443.

Sicurezza Internazionale è il primo quotidiano italiano interamente dedicato alla politica internazionale.

Traduzione dall’arabo e redazione a cura di Laura Cianciarelli

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.