Operazione Sophia: 83 ufficiali della marina libica giunti in Italia

Pubblicato il 19 settembre 2017 alle 16:16 in Europa Libia

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

83 ufficiali della Guardia Costiera libica sono giunti in Italia per ricevere un corso di addestramento nell’ambito dell’EUNAVFOR Med Operazione Sophia.

Gli ufficiali e i sottoufficiali libici verranno preparati presso la Scuola Sottufficiali della Marina di Taranto, dove saranno assistiti da tre tutor. Il processo di selezione è stato svolto in diverse fasi, sotto la guida di EUNAVFOR Med, EU Member States e altre organizzazioni internazionali. L’addestramento si svolgerà in due moduli differenti, della durata di rispettivamente 8 e 3 settimane. Nel corso dei prossimi mesi, il personale libico sarà istruito sui temi della condotta della navigazione, sul Diritto Internazionale Marittimo, sulle attività di salvataggio e soccorso (SAR), sulla normativa internazionale sui diritti umani, sulle procedure di richiesta di asilo, sulle modalità di primo soccorso e sulle emergenze mediche in mare.

Nave della marina italiana. Fonte: Wikimedia Commons

Nave della marina italiana. Fonte: Wikimedia Commons

L’obiettivo dell’addestramento è quello di aumentare la sicurezza nelle acque territoriali libiche, rendendo il personale della Guardia Costiera libica in grado di eseguire efficientemente le proprie funzioni.

L’Operazione Sophia è stata lanciata nel luglio 2015 dall’Unione Europea, con lo scopo di contrastare l’attività illegale dei trafficanti di esseri umani lungo il Mediterraneo centrale e meridionale. Dall’inizio delle attività, sono stati arrestati 117 scafisti, e sono state sequestrate 282 imbarcazioni.

Dall’ottobre 2016, l’UE è impegnata nel sostegno e nell’addestramento della Guardia Costiera e della marina libica. Fino ad oggi, 136 ufficiali sono stati preparati dall’EUNAVFOR Med Creta, a Malta e a Roma.

Sofia Cecinini

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.