URAGANO IRMA: CUBA RICEVE LA SOLIDARIETÀ DEGLI ALLEATI

Pubblicato il 14 settembre 2017 alle 15:12 in America Latina Cuba

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

In soccorso dell’isola colpita duramente dall’uragano Irma è accorsa per prima la Russia, storica alleata di Cuba, seguita poi da Ecuador, Venezuela, Bolivia, Argentina, Canada, Spagna e altri paesi.

L'uragano Irma. Fonte: wikimedia commons

L’uragano Irma. Fonte: wikimedia commons

“Abbiamo sempre aiutato Cuba nei momenti difficili, lo faremo anche questa volta, ho dato ordine al Ministro delle Emergenze Naturali di contattare le autorità cubane e di muoversi in tal senso, il Ministro aveva inoltre già dato indicazioni in materia” – con queste parole Vladimir Putin, presidente della Federazione russa, ha confermato il proposito del suo paese di accorrere in aiuto dell’alleata Cuba, duramente colpita dall’uragano Irma.

Mosca ha deciso di inviare nell’isola beni di prima necessità e personale tecnico che possa aiutare le autorità cubane a ripristinare i servizi elettrici e idrici nel più breve tempo possibile.

“Condividiamo quel che abbiamo, anche se è poco – è l’appello lanciato ai boliviani dal presidente Evo Morales – uniti come una famiglia solidale”. Il ministro della difesa boliviano Ferreira aveva annunciato nei giorni scorsi l’invio di aiuti umanitari e di una brigata di volontari a Cuba per aiutare a riparare i danni causati dall’uragano.

Anche il Venezuela, nonostante la crisi che attraversa, ha deciso di soccorrere Cuba, inviando acqua minerale e volontari. Sostegno all’isola è stato espresso anche da Ecuador, Nicaragua e Colombia, che si sono detti pronti a inviare alla maggiore delle Antille i beni di prima necessità che le autorità locali considerino utili.

“Prepariamoci tutti per aiutare il popolo cubano, il sostegno del Messico non verrà mai meno” – ha dichiarato tramite il suo account twitter ufficile il presidente messicano Enrique Peña Nieto. Panama ha inviato sull’isola la squadra speciale per le emergenze naturali della polizia e dell’esercito.

Anche la Spagna ha espresso solidarietà a Cuba tramite un comunicato della presidenza del governo e Mariano Rajoy ha comunicato a Raúl Castro che l’antica madrepatria è pronta a inviare sull’isola i beni di cui Cuba dovesse necessitare nel breve periodo.

Uomini, mezzi e beni di prima necessità sono stati inviati dal governo argentino.

Aiuti anche dal Canada, che proprio nei giorni dell’uragano ha condotto in accordo con le autorità cubane l’evacuazione di 55.000 turisti stranieri che si trovavano nelle regioni settentrionali dell’isola più duramente colpite dall’uragano. Justin Trudeau ha assicurato che il Canada non farà mancare assistenza a Cuba e alle altre nazioni caraibiche colpite da Irma.

Oltre a ingenti danni materiali il passaggio di Irma su Cuba ha provocato, secondo fonti non confermate, almeno una decina di morti.

Traduzione dallo spagnolo e redazione a cura di Italo Cosentino

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.