ARRESTATO AVVOCATO DELLA FAMIGLIA REGENI AL CAIRO

Pubblicato il 13 settembre 2017 alle 20:26 in Europa

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

L’avvocato Ibrahim Metwally Hegazy, coinvolto nel caso della morte del ricercatore italiano Giulio Regeni, è stato arrestato dalle autorità egiziane mentre stava per lasciare l’Egitto.

Il quotidiano The New Arab ha riportato che la notizia è stata resa nota ieri, martedì 12 settembre, da un gruppo umanitario attivo nel Paese. Hegazy è stato fermato dalla polizia all’aeroporto del Cairo, mentre si stava imbarcando su un volo per Ginevra, dove avrebbe dovuto partecipare ad un meeting delle Nazioni Unite sulle sparizioni forzate in Egitto. Al momento, non è chiaro dove si trovi l’avvocato.

Hegazy, insieme al figlio, aveva fornito assistenza legale alla famiglia di Regeni. Dopo essere scomparso il 25 gennaio, il corpo privo di vita del ricercatore italiano è stato ritrovato il 3 febbraio, vicino al Cairo, in un fosso lungo l’autostrada Cairo-Alessandria. L’autopsia ha rivelato che il ragazzo era stato torturato prima di essere ucciso. Da allora, sono in corso indagini per capire chi siano stati i responsabili del suo assassinio. Inizialmente, era stata incolpata una banda criminale locale specializzata in rapimenti di stranieri, i cui membri sono stati uccisi dalla polizia egiziana. In seguito, le forze di sicurezza locali hanno riferito di aver trattenuto Regeni il giorno in cui sparì. Da più di un anno, i media italiani e americani avanzano il sospetto secondo cui i responsabili dell’assassinio sarebbero i servizi segreti egiziani.

Striscione per la morte di Giulio Regeni. Fonte: Wikimedia Commons

Striscione per la morte di Giulio Regeni. Fonte: Wikimedia Commons

Nonostante l’Italia, nell’aprile 2016, abbia richiamato il proprio ambasciatore dal Cairo, a inizio settembre, Roma ha annunciato la ripresa dei rapporti con l’Egitto. Il 14 settembre, l’ambasciatore italiano in Egitto e l’ambasciatore egiziano in Italia inizieranno nuovamente i loro mandati. Tale decisione è stata motivata dal ministro degli esteri, Angelino Alfano, il quale ha spiegato che “l’Egitto è un partner fondamentale per l’Italia”. La famiglia di Regeni ha condannato la mossa italiana.

Sofia Cecinini

di Redazione

Articoli correlati

Immigrazione Libia

Immigrazione: accordi tra il governo di Tripoli e le milizie armate

La milizia libica Anas al-Dabbashi, nota per essere attiva nell’ambito del traffico di migranti, sta scendendo a patti con il Governo di Accordo Nazionale (GNA) per essere assorbita all’interno della polizia e dell’esercito di Tripoli

Nigeria USA e Canada

Incontro Buhari-Trump: Nigeria e USA rafforzano i legami

Il presidente nigeriano, Muhammadu Buhari, ha incontrato Donald Trump a margine della 72esima riunione dell’Assemblea Generale dell’Onu, a New York. Si è trattato del primo meeting tra i due leader, i quali avevano colloquiato telefonicamente lo scorso febbraio

Europa Yemen

Italia: 1 milione di euro allo Yemen per combattere la malnutrizione dei bambini

Il ministro degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale, Angelino Alfano, ha annunciato che l’Italia donerà più di un milione di euro allo Yemen, per aiutarlo a combattere la malnutrizione dei bambini

Africa Camerun

Camerun: giornalisti come terroristi

Secondo quanto riferito da alcuni osservatori internazionali, le autorità del Camerun stanno applicando la legge anti-terrorismo per arrestare e minacciare i giornalisti, creando un clima di paura in tutto il Paese

Afghanistan Asia

L’Afghanistan guarda al Pakistan

Alcuni ufficiali afghani sono convinti che il Pakistan possa trasformarsi in un buon alleato regionale, attraverso l’adozione di un nuovo approccio verso l’Afghanistan

Africa Sud Sudan

Sud Sudan: forze leali all’ex vice presidente attaccano forze governative

Combattenti leali all’ex vice presidente del Sud Sudan, Riek Machar, hanno attaccato le forze governative nello Stato di Unità, uccidendo 25 persone, tra cui alcuni civili e donne. Tale territorio è ricco di risorse petrolifere, che sono state abbandonate per via dei continui scontri


Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.