NIGERIA: SVENTATA UNA SERIE DI ATTACCHI TERRORISTICI DI BOKO HARAM

Pubblicato il 11 settembre 2017 alle 9:13 in Africa Nigeria

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

Le autorità nigeriane hanno riferito di aver sventato una serie di attacchi terroristici sparsi architettati da Boko Haram, che avrebbero dovuto colpire diverse zone della Nigeria.

La notizia è stata resa nota, sabato 9 settembre, dal Department of State Services (DSS), il quale ha comunicato di “aver scoperto e di aver mandato a monte un piano sinistro” dei jihadisti nigeriani, che avrebbe portato morte e distruzione nel corso dei festeggiamenti della festività musulmana dello Eid al-Adha. “Il piano prevedeva attacchi armati e attentati suicidi contro determinai obiettivi ad Abuja, Kano, Kaduna, Bauchi e nello Stato del Borno e dello Yobe”, ha riferito il portavoce del Department of State Services, Tony Opuiyo. La mente dell’offensiva è stata individuata essere Husseini Mai-Tangaran, militante di Boko Haram che era stato arrestato il 31 agosto a Kano, nel nord della Nigeria.

L’esercito nigeriano aveva annunciato di aver smantellato definitivamente il gruppo terroristico lo scorso 25 dicembre. Tuttavia, pochi giorni dopo, Boko Haram ha diffuso un video in cui ha smentito la propria sconfitta, promettendo una serie di nuovi attacchi in tutto il paese e nei territori vicini.

Alcuni miliziani di Boko Haram. Fonte: L'Interferenza

Alcuni miliziani di Boko Haram. Fonte: L’Interferenza

Boko Haram, attivo in Nigeria dal 2009, ha causato la morte di almeno 20,000 persone, forzando 2,6 milioni di cittadini ad abbandonare le proprie case e causando una grave crisi umanitaria. Nel nord-est del Paese 450,000 bambini stanno rischiando di morire di fame. In quella zona, l’UNICEF sta mettendo in atto una serie di iniziative volte a promuovere la tolleranza religiosa e la reintegrazione. Tuttavia, la furia dei jihadisti ha raggiunto anche gli Stati vicini, come il Ciad, il Niger e il Camerun, dove più di 2,000 scuole sono state chiuse. Una delle pratiche più utilizzate dai terroristi nigeriani è quella di utilizzare minori, soprattutto bambine e neonati, per compiere attacchi suicidi in luoghi affollati.

Il 5 settembre, Amnesty International ha reso noto che dal primo aprile al 5 settembre 2017, Boko Haram ha causato la morte di 400 persone nella regione del lago Ciad, tra la Nigeria e il Camerun.

Sofia Cecinini

di Redazione

Articoli correlati

Africa Libia

Libia: chiuso un condotto per il trasporto del petrolio verso Tripoli

Un gruppo armato ha chiuso un condotto di una stazione petrolifera che trasporta il carburante dal porto di Zawiya verso Tripoli, fermando in tal modo il pompaggio di carburante verso la capitale

Africa Egitto

Egitto: Al-Sisi incontra Netanyahu e Abbas

Il presidente egiziano, Abdel Fattah Al-Sisi, ha incontrato il Primo Ministro israeliano, Benjamin Netanyahu, e il presidente palestinese, Mahmoud Abbas, in due incontri separati a New York per discutere i modi per rilanciare il processo di pace in Medio Oriente

Europa Libia

Operazione Sophia: 83 ufficiali della marina libica giunti in Italia

83 ufficiali della Guardia Costiera libica sono giunti in Italia per ricevere un corso di addestramento nell’ambito dell’EUNAVFOR Med Operazione Sophia

Africa Nigeria

Doppio attacco suicida nel nord-est della Nigeria: almeno 15 morti

Due donne si sono fatte esplodere nel villaggio di Mashalari, nell’area di Kodunga, a circa 40 chilometri da Maiduguri, uccidendo almeno 15 persone e ferendone altre 43

Burundi Congo

REP. DEM. DEL CONGO: UCCISI 36 RIFUGIATI DEL BURUNDI

Le forze di sicurezza della Repubblica Democratica del Congo hanno ucciso almeno 36 rifugiati del Burundi, mentre altri 100 sono rimasti feriti, nel corso di scontri emersi intorno alla questione del loro rimpatrio

Approfondimenti Ciad

IL CIAD E IL TERRORISMO

Secondo quanto riportato dal governo americano, nel 2016, il Ciad ha intensificato i propri sforzi per migliorare le operazioni anti-terrorismo ma, a causa del peggioramento della crisi finanziaria, le autorità ciadiane hanno riscontrato grosse difficoltà, persino nei pagamenti dei salari alla polizia e ai soldati


Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.