ELEZIONI A SEBASTOPOLI: IRA DI KIEV

Pubblicato il 11 settembre 2017 alle 8:54 in Russia

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

In Russia si sono tenute le elezioni amministrative che hanno riguardato anche la città annessa nel marzo 2014, suscitando l’ira di Kiev e la risposta delle autorità cittadine.

“Le proteste delle autorità ucraine per l’elezione del governatore di Sebastopoli sono dovute all’obbligo di reagire, ma non cambieranno lo stato delle cose: la Crimea non tornerà mai più in Ucraina” – ha dichiarato all’agenzia di stampa RIA Novosti la presidente dell’assemblea legislativa di Sebastopoli Ekaterina Altabaeva.

Il Ministero degli Esteri dell’Ucraina aveva protestato ufficialmente per il processo elettorale che si è svolto, in accordo con la legislazione russa, in Crimea e Sebastopoli in contemporanea con il resto della Federazione. La protesta di Kiev era stata resa pubblica in una comunicazione alla stampa della portavoce ufficiale del dicastero ucraino Mariana Betsa.

“I politici ucraini hanno la necessità di dire qualcosa sulle elezioni, ma dovrebbero sicuramente essere consapevoli, o almeno penso che se ne rendano effettivamente conto, che la Crimea e Sebastopoli non potranno mai più tornare ad essere parte dello Stato ucraino” – ha sottolineato la Altabaeva.

La Presidente dell’assemblea locale ha definito Sebastopoli “uno dei cuori patriottici della Russia, a causa dalla sua storia e dalla sua vita moderna e contemporanea”.

“Sebastopoli e l’Ucraina non hanno strade parallele – ha insistito Altabaeva – ma addirittura divergenti. Forse in futuro i politici ucraini guarderanno in modo diverso i processi naturali che si sono verificati nella politica e nella società di Sebastopoli e della Crimea a partire dal 2014. Di conseguenza, le parole e la realtà, come si dice ad Odessa, sono due cose profondamente diverse” – ha concluso Altabaeva.

Sebastopoli, città ucraina fino al febbraio 2014, è entrata a far parte della Federazione russa ufficialmente il 18 marzo 2014, quando Vladimir Putin ha siglato l’atto di adesione della Crimea e di Sebastopoli alla Federazione in seguito al referendum popolare di due giorni prima. Truppe federali russe avevano occupato la città a partire dal 22 febbraio.

Sebastopoli è diventata da allora la terza città federale del paese, testimonianza della grande importanza attribuitale dal governo russo. Le altre due città federali della Russia sono Mosca e San Pietroburgo.

Le elezioni amministrative si sono tenute in Russia domenica 10 settembre, è la prima volta , dal giorno dell’annessione, che la Crimea e Sebastopoli partecipano al processo elettorale russo.

Traduzione dal russo e redazione a cura di Italo Cosentino

Ekaterina Altabaeva. Fonte: Informer

Ekaterina Altabaeva. Fonte: Informer

di Redazione

Articoli correlati

Russia Siria

Siria: la Russia risponde alle accuse USA

Accusata di aver bombardato postazioni degli alleati della coalizione a guida americana, Mosca risponde che l’aviazione ha bombardato ISIS e insinua che le forze filo-americane collaborino con i terroristi

Russia Siria

AVANZATA RUSSA IN SIRIA: PARLA IL COMANDANTE

Aleksandr Lapin, comandante delle operazioni del contingente militare russo in Siria, racconta come per aprirsi la strada verso Deir ez-Zor l’aviazione russa e le forze governative siriane abbiano dovuto cambiare metodo di combattimento

Russia Ucraina

LA RUSSIA RISPONDE ALLE DICHIARAZIONI DI POROSHENKO SUGLI ARMAMENTI NUCLEARI

Le dichiarazioni dell’Ucraina sulle armi nucleari rappresentano “un ultimatum ai paesi occidentali”. Lo ha dichiarato il vice presidente del comitato per le relazioni internazionali della Duma, Ruslan Balbek.

Russia Ucraina

USA: CASCHI BLU ONU AL CONFINE TRA RUSSIA E UCRAINA

Il Dipartimento di Stato degli Stati Uniti propone di schierare i caschi blu dell’ONU al confine tra Russia e Ucraina

Russia Venezuela

VENEZUELA: IL RUOLO DELLA RUSSIA

Il crescente sostegno di Mosca al presidente venezuelano Maduro potrebbe riproporre uno scenario simile a quello già vissuto in Siria, ma stavolta alle porte degli Stati Uniti

Russia

LA CRIMEA ACCUSA L’UE DI NON RISPETTARE IL DIRITTO A LIBERE ELEZIONI

Il vice premier della Crimea, Georgy Muradov, ha dichiarato che l’UE non intende riconoscere il diritto a libere elezioni in Crimea


Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.