COLLOQUIO TELEFONICO TRA ERDOGAN E TRUMP

Pubblicato il 11 settembre 2017 alle 6:01 in Turchia USA e Canada

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

Nel corso di una telefonata, il presidente americano, Donald Trump, e il presidente turco, Recep Tayyip Erdogan, hanno concordato di collaborare per rafforzare i legami tra i due Paesi, entrambi membri della NATO, e per aumentare la sicurezza regionale. I leader hanno altresì confermato di incontrarsi durante il mese di settembre, in occasione del prossimo meeting dell’Assemblea Generale delle Nazioni Unite a New York.

A sinistra, bandiera turca; a destra, bandiera americana. Fonte: Wikimedia Commons

A sinistra, bandiera turca; a destra, bandiera americana. Fonte: Wikimedia Commons

La telefonata, avvenuta sabato 9 settembre, si è verificata in un momento di particolare tensione tra USA e Turchia. Solo due giorni prima, il 7 settembre, un procuratore americano aveva accusato l’ex ministro dell’economia turco, Zafer Caglayan, di aver pianificato di violare le sanzioni contro l’Iran, attraverso il passaggio illegale di milioni di dollari a Teheran attraverso il sistema finanziario americano. Come è noto, l’Iran è il principale rivale degli USA in Medio Oriente.È la prima volta che un ex-ufficiale del governo turco vicino a Erdogan viene messo sotto accusa dalle autorità americane. Dall’altra parte, Ankara ha immediatamente smentito le indiscrezioni, insistendo sull’innocenza di Caglayan. “Vedo le accuse contro il nostro ex ministro dell’economia come accuse contro la Turchia stessa”, ha affermato Erdogan, chiedendo agli Stati Uniti di rivedere la questione.

Da mesi, i rapporti tra Washington e Ankara sono caratterizzati da contrasti, soprattutto in relazione all’appoggio americano alle People’s Protection Units (YPG), il braccio armato delle Syrian Democratic Forces (SDF), formato interamente da combattenti curdo-siriani. Mentre gli Stati Uniti li reputano un alleato chiave nella lotta contro l’ISIS, la Turchia considera le People’s Protection Units un gruppo terroristico al pari del Kurdistan Workers’ Party (PKK). Per di più, la Ankara vuole evitare che i curdi siriani riescano a creare uno Stato indipendente nel nord della Siria per impedire ai curdi, che vivono in Turchia, di aderire a un simile progetto. Nonostante Erdogan abbia chiesto tante volte alla Casa Bianca di prendere le distanze dai curdo-siriani, Donald Trump, il 9 maggio 2017, ha ordinato l’invio di armi alle People’s Protection Units, considerate indispensabili nella lotta contro l’ISIS a Raqqa, capitale de facto dei terroristi in Siria. Un altro motivo di tensione tra i due Paesi è costituito dalla questione del chierico turco, Fethullah Gulen, considerato il responsabile del fallito colpo di Stato del 15 luglio 2016 in Turchia. Gulen, residente in Pennsylvania dal 1999, è accusato di aver pianificato a distanza il golpe per rovesciare Erdogan. Nonostante il presidente turco abbia chiesto ripetutamente l’estradizione del chierico agli Stati Uniti, questi, fino ad ora, non si sono ancora pronunciati.

Nonostante tali contrasti vadano avanti da mesi, sembra che sia Trump, sia Erdogan, vogliano cercare di mantenere rapporti amichevoli tra i propri Paesi, senza giungere ad una rottura definitiva. Ciò è stato dimostrato anche il 16 maggio scorso, quando i due leader si sono incontrati alla Casa Bianca, dove hanno concordato di rimanere uniti nella lotta contro il terrorismo.

Sofia Cecinini

di Redazione

Articoli correlati

USA e Canada

Primo giorno di Trump all’Onu: toni pacati e nessun confronto

Nel primo giorno della 72esima riunione dell’Assemblea Generale dell’Onu, Donald Trump ha sorpreso tutti, utilizzato toni pacati e evitando qualsiasi scontro con gli altri leader mondiali

Afghanistan USA e Canada

GLI USA ESPANDERANNO LA ZONA DI SICUREZZA A KABUL

I confini della Green Zone di Kabul verranno allargati per includere al loro interno la base militare americana conosciuta con il nome Kabul City Compound, ex quartier generale delle American Special Operations nella capitale afghana

USA e Canada

TRUMP: PRIMA VOLTA ALLA RIUNIONE DELL’ASSEMBLEA GENERALE DELL’ONU

Donald Trump parteciperà al meeting dell’Assemblea Generale dell’Onu, a New York, il primo da quando ha iniziato il proprio mandato presidenziale il 20 gennaio 2017

Cuba USA e Canada

CUBA: AMBASCIATA USA VERSO LA CHIUSURA?

Il segretario di stato Tillerson ammette che sta valutando la chiusura della sede diplomatica riaperta da appena due anni a causa degli attacchi acustici che hanno causato la sordità di alcuni diplomatici nordamericani

NATO Turchia

LA SVOLTA STRATEGICA DELLA TURCHIA

Con la firma del recente accordo militare con la Russia, la Turchia ha effettuato un primo strappo nei confronti della NATO, di cui fa parte dal febbraio 1952

USA e Canada

INDETTA RIUNIONE DI EMERGENZA DEL CONSIGLIO DI SICUREZZA DELL’ONU

In seguito all’ultimo test missilistico della Corea del Nord, avvenuto oggi venerdì 15 settembre, il Consiglio di Sicurezza dell’Onu ha indetto una riunione di emergenza, prevista per questa sera


Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.