NAZIONI UNITE CONTRO USA PER VIOLAZIONE DEL DIRITTO INTERNAZIONALE

Pubblicato il 8 settembre 2017 alle 20:03 in Siria USA e Canada

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

Le Nazioni Unite hanno denunciato i bombardamenti degli aerei della coalizione internazionale a guida americana che operano contro l’ISIS in Siria, dichiarando che hanno violato il diritto internazionale nel corso di un raid contro una moschea nel villaggio di Jinah, nella provincia di Aleppo, avvenuto il 16 marzo 2017, in cui sono morti 42 civili. L’Onu sostiene che gli Stati Uniti non abbiano preso le precauzioni necessarie a evitare danni e morti collaterali.

Jet da guerra USA in Siria. Fonte: US Air Force

Jet da guerra USA in Siria. Fonte: US Air Force

Dall’altra parte Washington ha negato di aver colpito una moschea nel corso delle operazioni quel giorno, dal momento che miravano a distruggere un nascondiglio dove erano presenti diversi militanti di al-Qaeda. Secondo un report della UN Commission of Inquiry (COI), al contrario, gli USA hanno dato l’ordine di bombardare senza prima verificare chi si trovasse all’interno del luogo sacro. Tutte le vittime del raid sono stati civili, tra cui una donna, 5 bambini di età compresa tra i 6 e i 13 anni. La Commissione ha altresì concluso che, così facendo, gli Stati uniti hanno violato le norme del diritto internazionale umanitario, dal momento che le moschee sono luoghi sacri protetti dalla legge che non possono essere colpiti da un attacco, a meno che non siano utilizzate a scopi militari.

Alcuni sopravvissuti al bombardamento hanno riferito alle Nazioni Unite che all’interno dell’edificio si trovavano molti residenti del villaggio, riuniti per pregare. Il quotidiano The New Arab riporta che la squadra americana che ha svolto l’operazione, nonostante avesse raccolto informazioni sul luogo tre giorni prima del bombardamento, non ha effettuato verifiche più approfondite.

La coalizione internazionale a guida americana continua a sostenere di fare sempre i controlli necessari a evitare la morte dei civili. Tuttavia, secondo le stime dell’Onu, dal 2014, tra la Siria e l’Iraq, sono state 624 le vittime collaterali dei bombardamenti.

Sofia Cecinini

di Redazione

Articoli correlati

Medio Oriente Siria

Hayat Tahrir al-Sham sta conquistando la provincia di Idlib

Mentre l’ISIS sta progressivamente perdendo terreno nei principali centri urbani in Siria, quali Raqqa e Deir Ezzor, la branca di al-Qaeda, Hayat Tahrir al-Sham (HTS), si sta impadronendo di vaste porzioni di territorio nel nord-ovest del Paese, nella provincia di Idlib

USA e Canada

Primo giorno di Trump all’Onu: toni pacati e nessun confronto

Nel primo giorno della 72esima riunione dell’Assemblea Generale dell’Onu, Donald Trump ha sorpreso tutti, utilizzato toni pacati e evitando qualsiasi scontro con gli altri leader mondiali

Russia Siria

Siria: la Russia risponde alle accuse USA

Accusata di aver bombardato postazioni degli alleati della coalizione a guida americana, Mosca risponde che l’aviazione ha bombardato ISIS e insinua che le forze filo-americane collaborino con i terroristi

Medio Oriente Siria

SIRIA: USA ACCUSATI DI ARMARE I RIBELLI

Il procuratore federale tedesco ha dichiarato che porterà avanti le indagini in merito all’accusa secondo la quale le forze armate americane avrebbero inviato armi all’opposizione siriana attraverso una base militare tedesca senza i giusti permessi

Afghanistan USA e Canada

GLI USA ESPANDERANNO LA ZONA DI SICUREZZA A KABUL

I confini della Green Zone di Kabul verranno allargati per includere al loro interno la base militare americana conosciuta con il nome Kabul City Compound, ex quartier generale delle American Special Operations nella capitale afghana

USA e Canada

TRUMP: PRIMA VOLTA ALLA RIUNIONE DELL’ASSEMBLEA GENERALE DELL’ONU

Donald Trump parteciperà al meeting dell’Assemblea Generale dell’Onu, a New York, il primo da quando ha iniziato il proprio mandato presidenziale il 20 gennaio 2017


Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.