IL PAPA IN COLOMBIA SOSTIENE IL PROCESSO DI PACE

Pubblicato il 8 settembre 2017 alle 6:05 in America Latina Colombia

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

Il Pontefice a Bogotà si schiera apertamente a favore del processo di pace condotto dal presidente Juan Manuel Santos e prevede di incontrare anche i vescovi venezuelani per affrontare la crisi che attraversa Caracas.

Papa Francesco. Fonte: Wikimedia Commons

Papa Francesco. Fonte: Wikimedia Commons

Nel suo incontro con il presidente Juan Manuel Santos, Papa Francesco ha letto un discorso che la stampa colombiana definisce emotivo nel quale invita il paese a lasciare da parte gli odi e gli interessi particolari e a non dissipare gli sforzi per la pace.

“Che gli sforzi per la pace ci facciano rifuggire ogni desiderio di vendetta e di ricerca di interessi particolari e a breve termine. Quanto più difficile è il cammino che porta alla pace e alla comprensione, tanto più impegno bisogna mettere nel riconoscere l’altro, nel sanare le ferite, costruire ponti e stringere legami” – ha dichiarato il sommo pontefice in occasione della sua visita a Bogotà.

Il Pontefice ha lanciato un appello ai politici colombiani affinché varino “leggi giuste che possano garantire armonia e aiutare a superare i conflitti che hanno lacerato questo paese per anni, leggi che non nascano solo dalla necessità di mettere in ordine la società, ma che combattano le cause della povertà, dell’esclusione e dell’emarginazione che hanno fomentato il conflitto”.

Papa Francesco visita una Colombia divisa, dove appena metà della popolazione sostiene l’accordo di pace con le FARC, siglato a L’Avana nel novembre 2016 e mentre l’altra metà è invece favorevole all’ex presidente Álvaro Uribe, strenuo avversario del processo di pace. La visita del Papa a sostegno del processo di pace è considerata un grande successo politico per il presidente Santos, ed è stata preceduta da un tregua siglata dal governo colombiano con l’Esercito di Liberazione Nazionale, la seconda guerriglia del paese.

Il Pontefice affronterà anche la crisi venezuelana, ai cui tentativi di mediazione il Vaticano ha attivamente partecipato sin dal 2015. Papa Francesco si riunirà in privato con cinque vescovi venezuelani in un paese che accoglie ogni giorno migliaia di immigrati in fuga dalle violenze e dalla crisi economica che accompagnano la grave crisi istituzionale che attraversa Caracas.

Traduzione dallo spagnolo e redazione a cura di Italo Cosentino

di Redazione

Articoli correlati

America Latina Brasile

Brasile: il ministro dell’agricoltura sotto accusa

Un altro ministro del governo Temer sotto inchiesta: si tratta del titolare dell’agricoltura Blairo Maggi, per reati commessi durante i suoi mandati di governatore del Mato Grosso

Cuba USA e Canada

CUBA: AMBASCIATA USA VERSO LA CHIUSURA?

Il segretario di stato Tillerson ammette che sta valutando la chiusura della sede diplomatica riaperta da appena due anni a causa degli attacchi acustici che hanno causato la sordità di alcuni diplomatici nordamericani

America Latina Venezuela

VENEZUELA: L’AMERICA LATINA DEVE AGIRE

Le potenze regionali devono intervenire diplomaticamente in Venezuela prima che lo facciano attori esterni, scongiurando così quanto accaduto a Cuba nel 1959

America Latina Brasile

BRASILE: NUOVE ACCUSE CONTRO TEMER

Il procuratore Rodrigo Janot presenta una nuova denuncia contro il Presidente, avviando di nuovo l’iter parlamentare per l’impeachment da cui Temer era riuscito a liberarsi lo scorso agosto

America Latina Cuba

URAGANO IRMA: CUBA RICEVE LA SOLIDARIETÀ DEGLI ALLEATI

Dopo l’urgano che ha devastato la costa nord dell’isola, Cuba riceve la solidarietà di molti paesi, tra cui la Russia, la Spagna e il Canada

Russia Venezuela

VENEZUELA: IL RUOLO DELLA RUSSIA

Il crescente sostegno di Mosca al presidente venezuelano Maduro potrebbe riproporre uno scenario simile a quello già vissuto in Siria, ma stavolta alle porte degli Stati Uniti


Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.