CATALOGNA: REFERENDUM INDIPENDENTISTA IL 1 OTTOBRE

Pubblicato il 7 settembre 2017 alle 14:58 in Europa

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

Il referendum indipendentista catalano è stato convocato per il 1 ottobre prossimo dopo l’approvazione della legge sul referendum e della legge sulla transitorietà giuridica, che sganciano Barcellona dalla legge spagnola. Madrid assicura che farà rispettare la legge.

Carles Puigdemont. Fonte:gencat

Carles Puigdemont. Fonte:gencat

Il parlamento catalano ha approvato in sessione plenaria la legge sul referendum e la legge sulla transitorietà giuridica, che rompono con la legalità dello stato spagnolo. Immediatamente dopo il governo di Carles Puigdemont potrà convocare il referendum unilaterale per l’indipendenza della Catalogna per il 1 ottobre prossimo.

Il voto sarà convocato prima che il Tribunale Costituzionale e il Governo centrale annullino le norme che lo rendono possibile. La probabile sospensione dell’applicazione delle norme, in attesa che il Tribunale Costituzionale possa valutare il ricorso del Governo Rajoy, “non sarà rispettata” – annunciano fonti dell’esecutivo catalano.

Il conflitto aperto tra l’autorità centrale e quella regionale è dunque iniziato, dopo mesi di dichiarazioni, controdichiarazioni e scaramucce politiche e legali.

La legge sul referendum rende possibile la convocazione dei catalani alle urne, come ancora non si sa visto che le scuole, dove normalmente si svolgono le consultazioni elettorali in Spagna, appartengono allo stato, che ne ha vietato l’uso.

La legge sulla transitorietà giuridica regola l’esistenza di una Catalogna indipendente dall’ipotetica separazione da Madrid fino alla stesura di una nuova costituzione.

Su entrambi i testi l’ufficio legale del parlamento catalano aveva espresso parere negativo, in quanto dichiaratamente anticostituzionali.

A favore delle leggi si sono espressi Junts pel Sí, la coalizione che unisce i nazionalisti di destra del Partit Democrátic de Catalunya (l’antica Convergéncia, che ha governato la regione con una breve interruzione dal 1980 a oggi) e la Sinistra Repubblicana di Catalogna, e la CUP, l’estrema sinistra antisistema indipendentista.

La sessione parlamentare è stata ripetutamente interrotta per le proteste dell’opposizione “costituzionale”: Partito Popolare, Partito Socialista e i centristi di Ciudadanos. Contro le leggi ha votato anche la filiale catalana di Podemos, Catalunya sí que es pot.

La reazione di Madrid non si è fatta attendere. Mariano Rajoy ha convocato immediatamente il consiglio dei ministri che ha impugnato le norme del parlamento autonomico. Il governo ha già presentato diversi ricorsi al Tribunale Costituzionale e basterebbe modificare uno dei ricorsi già presentati in funzione delle decisioni del parlamento e del governo di Barcellona per far scattare in automatico la sospensione cautelativa delle norme approvate, come ufficialmente chiesto dal premier Rajoy all’avvocatura dello stato.

Rajoy ha chiesto inoltre all’avvocatura dello stato di indagare la presidente del parlamento catalano, Carme Forcadell, per disobbedienza e prevaricazione.

La vicepresidente del governo Soraya Sáenz de Santamaría ha condannato quanto avvenuto nel parlamento catalano, e assicurato che il governo farà di tutto per mantenere la legalità e l’ordine costituzionale in vigore in Catalogna e nel resto del paese. “È un calcio alla democrazia – ha accusato la vicepresidente – uno spettacolo vergognoso e stucchevole”.

Della stessa opinione il leader di Ciutadanos, il barcellonese Albert Rivera, che ha definito “indecente golpe contro la democrazia” quanto accaduto al parlamento catalano.

Il Partito Socialista in un comunicato ha reso noto il proprio appoggio al governo “in difesa della legalità costituzionale”.

Per lasciare una porta aperta che consenta di rispondere alle iniziative prese a Madrid, il Parlamento catalano è stato a sorpresa convocato per una nuova sessione plenaria il prossimo venerdì 8 settembre.

 

Traduzione dallo spagnolo e redazione a cura di Italo Cosentino

di Redazione

Articoli correlati

Europa

Catalogna: blitz della Guardia Civil. Esplode la protesta

Si fa sempre più alta la tensione in Spagna, dove si avvicina l’atteso giorno del referendum sull’indipendenza della Catalogna, previsto il prossimo 1 ottobre

Europa

Referendum catalano: Madrid si prepara

La prevenzione del referendum sull’indipendenza catalana non è l’unica preoccupazione del governo di Madrid, che deve prepararsi ad affrontare diversi scenari possibili: dalle elezioni anticipate al ritiro delle competenze autonomiche alla Catalogna. I …

Europa

REFERENDUM CATALANO: PARLA IL RE

Felipe VI interviene per la prima volta dall’inizio della crisi tra le autorità catalane e il governo centrale e assicura che la libertà e i diritti di tutti gli spagnoli saranno tutelati e protetti

Europa

CATALOGNA: PROVA DI FORZA DELL’INDIPENDENTISMO

In difficoltà nell’organizzazione del referendum sull’indipendenza previsto per il 1 ottobre, gli indipendentisti catalani hanno fatto della “diada”, festa nazionale catalana, una prova di forza nei confronti del governo di Madrid

Europa

RAJOY AI CATALANI: NON SOTTOSTIMATE LA FORZA DELLO STATO

Mentre la procura generale dello stato denuncia le autorità catalane, il governo intima ai sindaci di non concedere spazi pubblici per il referendum indipendentista e l’Unione Europea si schiera con Madrid

Ucraina

KIEV: ESPULSI 2 GIORNALISTI SPAGNOLI PER “ATTIVITÀ ANTI-UCRAINE”

I servizi segreti ucraini (SBU) hanno espulso due giornalisti spagnoli con l’accusa di aver portato avanti “attività anti-ucraine”


Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.