PUTIN CONTRO LE ARMI USA ALL’UCRAINA

Pubblicato il 6 settembre 2017 alle 13:03 in Russia Ucraina

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

Il presidente russo ammonisce: la fornitura di armi americane all’Ucraina non è un bene, aggraverà il conflitto, e non si sa come reagiranno le repubbliche di Donetsk e Lugansk.

Il presidente Putin. Fonte: kremlin.ru

Il presidente Putin. Fonte: kremlin.ru

Le forniture statunitensi di armi all’Ucraina sarebbero una decisione sovrana di Washington e la Russia non può influenzare in nessun modo questione: è questa la posizione del presidente russo Vladimir Putin, interrogato in conferenza stampa, a margine del vertice dei paesi del BRICS in Cina, riguardo alla decisione statunitense di armare Kiev.

“Questa — ha spiegato Putin— è una decisione sovrana degli Stati Uniti: a chi vendere armi e a chi fornirle gratuitamente, nonché quale paese è il destinatario di questa assistenza. Non possiamo influenzare in alcun modo questo processo, ma ci sono norme internazionali e approcci comuni al problema”.

Secondo Putin “la fornitura di armi in una zona di conflitto non è un bene per la pace, ma serve solo ad aggravare la situazione, il numero delle vittime può certamente aumentare”.

Il leader del Cremlino ha aggiunto che le repubbliche popolari di Donetsk e Lugansk (DPR e LPR) avevano abbastanza armi, comprese quelle sequestrate alla parte avversa. “E se le armi americane vengono fornite nella zona di conflitto — ha concluso Putin —, è difficile dire come reagiranno le repubbliche auto-proclamate. Potrebbero rinforzare i propri armamenti e creare un’escalation militare nella zona del conflitto”.

A fine agosto il segretario alla difesa Mattis, in visita a Kiev, aveva aperto alla possibilità di fornire armi al governo ucraino.

Kiev accusa Mosca di essere dietro le forniture di armi alle autoproclamate repubbliche di Donetsk e Lugansk, mentre il Cremlino risponde che le continue violazioni del cessate il fuoco e il mancato rispetto degli accordi di Minsk sono da attribuire al governo ucraino.

Putin ha aperto, invece, all’ipotesi di inviare Caschi blu nel Donbass: “Sì se solo lungo la linea di demarcazione e previo accordo delle repubbliche separatiste – ha affermato il presidente russo – stiamo già lavorando a una bozza di risoluzione in tal senso”. Lo scopo sarebbe quello di garantire la sicurezza degli osservatori OSCE incaricati di monitorare il cessate il fuoco. A Kiev, però, la proposta russa non basta. L’esigenza espressa a più riprese dal premier Arsenyj Jacenjuk è che la missione ONU operi nella totalità del territorio interessato dal conflitto, e quindi in tutto il territorio delle autoproclamate repubbliche di Donetsk e Lugansk, che si oppongono categoricamente.

 

Traduzione dal russo e redazione a cura di Italo Cosentino

di Redazione

Articoli correlati

Ucraina

Poroshenko: USA approvano finanziamento da $500 milioni per Ucraina

Secondo quanto affermato dal presidente Poroshenko, gli Stati Uniti hanno approvato un finanziamento per Kiev da 500 milioni di dollari destinati al settore della sicurezza e della difesa

Russia Siria

Siria: la Russia risponde alle accuse USA

Accusata di aver bombardato postazioni degli alleati della coalizione a guida americana, Mosca risponde che l’aviazione ha bombardato ISIS e insinua che le forze filo-americane collaborino con i terroristi

Russia Siria

AVANZATA RUSSA IN SIRIA: PARLA IL COMANDANTE

Aleksandr Lapin, comandante delle operazioni del contingente militare russo in Siria, racconta come per aprirsi la strada verso Deir ez-Zor l’aviazione russa e le forze governative siriane abbiano dovuto cambiare metodo di combattimento

Russia Ucraina

LA RUSSIA RISPONDE ALLE DICHIARAZIONI DI POROSHENKO SUGLI ARMAMENTI NUCLEARI

Le dichiarazioni dell’Ucraina sulle armi nucleari rappresentano “un ultimatum ai paesi occidentali”. Lo ha dichiarato il vice presidente del comitato per le relazioni internazionali della Duma, Ruslan Balbek.

Russia Ucraina

USA: CASCHI BLU ONU AL CONFINE TRA RUSSIA E UCRAINA

Il Dipartimento di Stato degli Stati Uniti propone di schierare i caschi blu dell’ONU al confine tra Russia e Ucraina

Russia Venezuela

VENEZUELA: IL RUOLO DELLA RUSSIA

Il crescente sostegno di Mosca al presidente venezuelano Maduro potrebbe riproporre uno scenario simile a quello già vissuto in Siria, ma stavolta alle porte degli Stati Uniti


Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.