EGITTO – USA: ESERCITAZIONI MILITARI CONGIUNTE

Pubblicato il 6 settembre 2017 alle 6:03 in Africa Egitto

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

L’Egitto ha dichiarato che ospiterà un’esercitazione militare congiunta con gli Stati Uniti. L’esercitazione, che si svolgerà dopo un fermo di 8 anni, dovrebbe iniziare a partire dal 10 settembre e durerà 10 giorni.

Il portavoce dell’esercito egiziano, il colonnello Tamer Al-Rifai, ha affermato, attraverso la sua pagina Facebook, che l’esercitazione, che prenderà il nome di “Operation Bright Star 2017”, costituisce “una delle più importanti esercitazioni congiunte delle forze armate egiziane e americane”.

Al-Rifai ha aggiunto che l’esercitazione pone l’accento sulla “profondità delle relazioni e del livello di cooperazione militare tra le forze armate di entrambi i Paesi. Inoltre, continua la serie di addestramenti congiunti che le forze armate hanno intrapreso con numerosi Paesi fratelli e Paesi amici”.

Secondo quanto riferito da Sky News Arabia, le esercitazioni avranno luogo nella base militare Mohamed Najib, inaugurata il 22 luglio 2017 nella città di El-Hamam, nel nord-ovest del Paese. Si tratta della prima base militare completa presente sul territorio, responsabile della sicurezza della parte occidentale dell’Egitto.

Il portavoce dell’esercito ha riferito anche che l’esercitazione comprende “la cooperazione in materia di sicurezza e la lotta al terrorismo e all’estremismo e l’addestramento in tutti gli scenari delle minacce del ventunesimo secolo, sia della guerra tradizionale sia di quella irregolare”. E ha aggiunto: “l’operazione Bright Star contribuisce a potenziare i rapporti strategici e in materia di sicurezza tra gli Stati Uniti e l’Egitto, con particolare riferimento al loro ruolo guida nella lotta contro il terrorismo e l’estremismo in Medio Oriente”.

L’operazione Bright Star è un’esercitazione militare congiunta tra le forze egiziane e quelle americane che, a partire dal 1981, si è svolta in Egitto ogni due anni. L’esercitazione, che si è svolta nel per la prima volta nel 1981, come stabilito dagli accordi di Camp David, mira a rafforzare i legami tra le Forze armate egiziane e il Comando centrale degli Stati Uniti. Fino al 2009, anno dell’ultima esercitazione, l‘operazione si è svolta nella base aeronautica Cairo West Air Base, nella zona occidentale della capitale egiziana. Quest’anno, invece, l’esercitazione si terrà nella nuova base militare di Mohamed Najib.

Traduzione dall’arabo e redazione a cura di Laura Cianciarelli

di Redazione

Articoli correlati

Africa Libia

Libia: chiuso un condotto per il trasporto del petrolio verso Tripoli

Un gruppo armato ha chiuso un condotto di una stazione petrolifera che trasporta il carburante dal porto di Zawiya verso Tripoli, fermando in tal modo il pompaggio di carburante verso la capitale

Africa Egitto

Egitto: Al-Sisi incontra Netanyahu e Abbas

Il presidente egiziano, Abdel Fattah Al-Sisi, ha incontrato il Primo Ministro israeliano, Benjamin Netanyahu, e il presidente palestinese, Mahmoud Abbas, in due incontri separati a New York per discutere i modi per rilanciare il processo di pace in Medio Oriente

Europa Libia

Operazione Sophia: 83 ufficiali della marina libica giunti in Italia

83 ufficiali della Guardia Costiera libica sono giunti in Italia per ricevere un corso di addestramento nell’ambito dell’EUNAVFOR Med Operazione Sophia

Africa Nigeria

Doppio attacco suicida nel nord-est della Nigeria: almeno 15 morti

Due donne si sono fatte esplodere nel villaggio di Mashalari, nell’area di Kodunga, a circa 40 chilometri da Maiduguri, uccidendo almeno 15 persone e ferendone altre 43

Burundi Congo

REP. DEM. DEL CONGO: UCCISI 36 RIFUGIATI DEL BURUNDI

Le forze di sicurezza della Repubblica Democratica del Congo hanno ucciso almeno 36 rifugiati del Burundi, mentre altri 100 sono rimasti feriti, nel corso di scontri emersi intorno alla questione del loro rimpatrio

Approfondimenti Ciad

IL CIAD E IL TERRORISMO

Secondo quanto riportato dal governo americano, nel 2016, il Ciad ha intensificato i propri sforzi per migliorare le operazioni anti-terrorismo ma, a causa del peggioramento della crisi finanziaria, le autorità ciadiane hanno riscontrato grosse difficoltà, persino nei pagamenti dei salari alla polizia e ai soldati


Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.