COREA DEL SUD E USA: FINE DEI LIMITI AI MISSILI DI SEOUL

Pubblicato il 5 settembre 2017 alle 6:08 in Asia Corea del Sud

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

Il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, e la sua controparte della Corea del Sud, Moon Jae-in hanno deciso di rimuovere ogni limite alle dotazioni missilistiche della Corea del Sud. I due presidenti hanno avuto una conversazione telefonica ai margini della riunione del Consiglio di Sicurezza dell’Onu organizzata in urgenza per decidere una risposta all’ultimo test nucleare della Corea del Nord portato a termine con successo il 3 settembre.

Donald Trump e Moon Jae-in hanno stabilito di “innalzare il cap sulle dotazioni di missili della Corea del Sud, come una misura efficace” contro l’ultimo test nucleare condotto da Pyongyang. Si tratta del test più imponente realizzato dal 2006 e l’ordigno nucleare detonato sembra essere una bomba a idrogeno designata per essere installata su un missile a lungo raggio.

La Corea del Sud e gli Stati Uniti avevano già discusso della possibilità di innalzare i limiti alla capacità di carico dei suoi missili da 500 kg a 1000, ma gli Usa avevano preso tempo affermando che avrebbero valutato la cosa. I limiti sono imposti da un accordo bilaterale sull’energia nucleare siglato nel 2001.

In seguito al test nucleare di Pyongyang di domenica 3 settembre, Washington ha accelerato i tempi e deciso che Seoul potrebbe aver bisogno di maggiori armamenti per fronteggiare le minacce.

Il Ministro della Difesa della Corea del Sud ha reso noto che il paese sta rafforzando le sue difese e preparandosi all’installazione di altri moduli del THAAD, lo scudo anti-missilistico Usa che negli ultimi mesi è stato più volte condannato dalla Cina.

Stati Uniti e Corea del Sud stanno anche valutando l’arrivo sulla penisola coreana di alcune portaerei statunitensi e bombardieri strategici, per rafforzare la capacità di contrattaccare man mano che le minacce di Pyongyang crescono.

Secondo gli ufficiali di Seoul, la Corea del Nord starebbe preparando ulteriori test, probabilmente un nuovo lancio di missile balistico intercontinentale.

Il Consigli di Sicurezza dell’Onu nella sua riunione straordinaria potrebbe considerare di porre il bando sulle esportazioni di prodotti tessili e sulla compagnia aerea nazionale. Si potrebbe giungere anche al bando della fornitura di petrolio al governo e all’esercito, impedire ai cittadini nordcoreani di lavorare all’estero.

Ilaria Tipà

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.