TUTTO PRONTO PER LA VISITA DI NETANYAHU IN AMERICA LATINA

Pubblicato il 4 settembre 2017 alle 18:26 in America Latina Israele

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

Benjamin Netanyahu sarà il primo premier israeliano a recarsi in America Latina sin dalla fondazione dello Stato di Israele. Prima di recarsi all’Assemblea Generale dell’ONU, Netanyahu visiterà Buenos Aires e Città del Messico.

Benjamin Netanyahu, primo ministro israeliano. Fonte: Wikipedia Commons

Benjamin Netanyahu, primo ministro israeliano. Fonte: Wikipedia Commons

“Posso confermare che Benjamin Netanyahu sarà il primo premier di Israele a recarsi in America Latina” – ha dichiarato all’agenzia di stampa EFE un portavoce del ministero degli esteri israeliano. Il diplomatico, tuttavia, non ha confermato né le tappe né le date del tour del premier. Il Jerusalem Post, tuttavia, assicura che la visita del premier avrà luogo immediatamente prima dell’Assemblea Generale dell’ONU, prevista per il 19 settembre prossimo a New York. Le tappe previste sarebbero Argentina e Messico.

Il governo israeliano aveva preventivato una visita che toccasse Argentina, Brasile, Colombia e Messico, ma i tempi ridotti avrebbero costretto a ridurre la visita a Buenos Aires e Città del Messico, sedi di importanti comunità ebraiche. Il premier deve, infatti, essere a Gerusalemme il 20 settembre per la ricorrenza di Rosh Hashana, l’anno nuovo secondo il calendario ebraico.

Il viaggio coinciderà con l’anniversario dell’approvazione del piano di spartizione della Palestina alle Nazioni Unite, del novembre 1947. Il voto garantì la possibilità di creare uno stato ebraico in Palestina, e furono decisivi i SÌ di 12 nazioni latinoamericane e l’astensione di altre 7, tra cui proprio Messico e Argentina.

L’attività diplomatica israeliana in America Latina è stata tradizionalmente di basso profilo. Lo scorso novembre, in occasione di una visita a Gerusalemme del presidente del Guatemala Jimmy Morales, Netanyahu aveva lamentato l’assenza diplomatica di Israele dal continente latinoamericano, promettendo che vi si sarebbe presto recato in visita ufficiale. Israele ha manifestato grande interesse nelle possibilità di investimenti in Argentina, Brasile, Colombia e Messico.

Nel 2014 Netanyahu avrebbe dovuto visitare Messico, Panama e Colombia, ma fu costretto ad annullare il viaggio a causa di uno sciopero dei funzionari del ministero degli esteri israeliano, che si negarono di lavorare all’organizzazione della visita.

 

Consultazione delle fonti in Spagnolo e redazione a cura di Italo Cosentino

di Redazione

Articoli correlati

America Latina Israele

NETANYAHU IN AMERICA LATINA: È LA PRIMA VOLTA DI UN PREMIER ISRAELIANO

Benjamin Netanyahu ha iniziato l’11 settembre 2017, la prima visita ufficiale di un capo di governo israeliano in America Latina, prima di recarsi all’Assemblea Generale dell’ONU, Netanyahu visiterà Buenos Aires e Città del Messico

Cuba Venezuela

MADURO VOLA A CUBA MENTRE AUMENTA LA REPRESSIONE

Il Capo dello stato venezuelano si è recato in visita a Cuba dove ha reso omaggio a Fidel Castro mentre nel paese aumenta la repressione e salgono le tensioni con gli USA

America Latina Venezuela

L’AMERICA LATINA CONTRO LA MINACCIA DI INTERVENTO USA IN VENEZUELA

La minaccia di intervento statunitense in Venezuela provoca una levata di scudi in America Latina e il vicepresidente Pence dalla Colombia cerca di moderare i toni della polemica

America Latina Venezuela

L’AMERICA LATINA SI MOBILITA PER ISOLARE MADURO

I rappresentanti di 17 paesi riuniti a Lima per esaminare la situazione in Venezuela hanno espresso una dura condanna della rottura dell’ordine costituzionale in Venezuela e accordato che non riconosceranno alcun atto dell’Assemblea Costituente

America Latina Messico

MESSICO: VIOLENZA IN BASSA CALIFORNIA DEL SUD

La Bassa California del Sud, vero e proprio paradiso naturale e zona di grande importanza turistica, è sede di una guerra tra i cartelli di Sinaloa e di Tijuana Nueva Generación che ha causato dall’inizio dell’anno 279 morti.

America Latina Venezuela

Colombia e Messico negano ingerenze in Venezuela

Città del Messico e Bogotà respingono le accuse venezuelane di essere partecipi di un complotto della CIA per rovesciare Nicolás Maduro, mentre a Caracas le trattative tra governo e opposizione procedono tra sfiducia e divisioni


Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.