MOSCA: WASHINGTON VIOLA IL DIRITTO INTERNAZIONALE

Pubblicato il 4 settembre 2017 alle 8:07 in Russia USA e Canada

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

Il Cremlino ritiene inammissibile le perquisizioni delle forze di sicurezza statunitensi nelle sedi diplomatiche russe a San Francisco e Washington, e accusa gli USA di violazione del diritto internazionale.

Le bandiere dei due paesi. Fonte: Sputnik

Le bandiere dei due paesi. Fonte: Sputnik

“Le perquisizioni degli edifici diplomatici russi negli Stati Uniti violano il diritto internazionale e degradano ulteriormente le relazioni bilaterali” – ha dichiarato il portavoce del Cremlini Dmitrij Peskov.

“Qui probabilmente si può esprimere il nostro più profondo rammarico per il fatto che si tratta di una violazione del diritto internazionale, il diritto internazionale è stato minato, sono state intraprese azioni che ovviamente contraddicono la convenzione sulle relazioni diplomatiche” – ha dichiarato Peskov criticando i fatti avvenuti negli edifici diplomatici russi negli Stati Uniti.

Ha inoltre osservato che il presidente Putin è informato delle perquisizioni.

“Beh – ha aggiunto Peskov rispondendo alle domande dei giornalisti – quando uno dei Paesi più grandi del mondo lede il diritto internazionale, il presidente della parte lesa si informa”.

Parlando della risposta russa alle azioni statunitensi, il portavoce del Cremlino ha invitato ad aspettare le dichiarazioni di Putin.

In precedenza la rappresentante ufficiale del ministero degli Esteri russo Marija Zacharova, commentando le perquisizioni, aveva definito il 2 settembre come “il giorno nero nella storia della diplomazia americana”. Ha espresso la convinzione che le azioni di Washington sono dettate dalla politica ed ha affermato che le autorità statunitensi vogliono comprare da Mosca il patrimonio immobiliare diplomatico.

Le perquisizioni sono avvenute sabato 2 settembre nel corso del pomeriggio e fino sera negli edifici del Consolato Generale russo a San Francisco e nella rappresentanza commerciale a Washington. In precedenza le autorità americane avevano chiesto a Mosca di chiudere il Consolato a San Francisco e liberare quanto prima le sedi delle missioni commerciali.

Traduzione dal russo a cura di Italo Cosentino

di Redazione

Articoli correlati

USA e Canada

Primo giorno di Trump all’Onu: toni pacati e nessun confronto

Nel primo giorno della 72esima riunione dell’Assemblea Generale dell’Onu, Donald Trump ha sorpreso tutti, utilizzato toni pacati e evitando qualsiasi scontro con gli altri leader mondiali

Russia Siria

Siria: la Russia risponde alle accuse USA

Accusata di aver bombardato postazioni degli alleati della coalizione a guida americana, Mosca risponde che l’aviazione ha bombardato ISIS e insinua che le forze filo-americane collaborino con i terroristi

Afghanistan USA e Canada

GLI USA ESPANDERANNO LA ZONA DI SICUREZZA A KABUL

I confini della Green Zone di Kabul verranno allargati per includere al loro interno la base militare americana conosciuta con il nome Kabul City Compound, ex quartier generale delle American Special Operations nella capitale afghana

USA e Canada

TRUMP: PRIMA VOLTA ALLA RIUNIONE DELL’ASSEMBLEA GENERALE DELL’ONU

Donald Trump parteciperà al meeting dell’Assemblea Generale dell’Onu, a New York, il primo da quando ha iniziato il proprio mandato presidenziale il 20 gennaio 2017

Cuba USA e Canada

CUBA: AMBASCIATA USA VERSO LA CHIUSURA?

Il segretario di stato Tillerson ammette che sta valutando la chiusura della sede diplomatica riaperta da appena due anni a causa degli attacchi acustici che hanno causato la sordità di alcuni diplomatici nordamericani

Russia Siria

AVANZATA RUSSA IN SIRIA: PARLA IL COMANDANTE

Aleksandr Lapin, comandante delle operazioni del contingente militare russo in Siria, racconta come per aprirsi la strada verso Deir ez-Zor l’aviazione russa e le forze governative siriane abbiano dovuto cambiare metodo di combattimento


Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.