ATTACCO SUICIDA A HELMAND: 7 MORTI E ALMENO 42 FERITI, TRA CUI BAMBINI

Pubblicato il 24 agosto 2017 alle 6:01 in Afghanistan Asia

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

Un attentatore suicida dei talebani si è fatto esplodere nel sud dell’Afghanistan, uccidendo 7 persone e ferendone altre 42.

Omar Zhwak, portavoce del governatorato della provincia di Helmand, ieri 23 agosto, ha riferito ai giornalisti che il terrorista è saltato in aria all’interno di una macchina colma di esplosivo, nei pressi dei quartier generali della polizia a Lashkar Gah. Tra le vittime ci sono una bambina, una donna e 4 soldati. Si teme che il bilancio dei morti possa salire, dal momento che alcuni dei feriti sono molto gravi. Tra le persone che sono rimaste colpite dall’esplosione ci sono molti bambini, i quali stavano studiando in una moschea vicina al luogo dell’attacco.

Secondo quanto riportato dall’inviata di al-Jazeera a Kabul, Jenniger Glasse, il terrorista mirava a colpire un gruppo di ufficiali che erano in fila per ritirare i propri stipendi. “Dal momento che i talebani hanno minacciato di attaccare le banche afghane che pagano le forze di sicurezza, all’interno della stazione di polizia colpita era stata installata una piccola filiale, ecco perché i soldati erano in fila”, ha spiegato la giornalista.

Nella regione di Hemland i talebani controllano 10 distretti su 14. Da quanto i combattenti, lo scorso aprile, hanno lanciato una nuova campagna di attacchi contro i soldati americani e le forze di sicurezza afghane nella zona, la popolazione di Lashkar Gah è stata costretta ad abbandonare le proprie case. L’attacco di ieri è avvenuto a due giorni di distanza dall’annuncio del presidente americano, Donald Trump, sulla nuova strategia statunitense in Afghanistan. Trump non ha specificato quante truppe aggiuntive invierà nel Paese asiatico, ma ha dichiarato che gli USA non abbandoneranno le proprie postazioni, e continueranno la lotta contro i terroristi. I talebani hanno replicato dicendo che l’Afghanistan diventerà “il cimitero dei soldati americani”.

Sofia Cecinini

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.